Bici d’acqua per abbattere il traffico in città

Immagine.disegno schematico bici d'acquaNon è un caso che la maggior parte grandi metropoli sorgono sopra o in prossimità di corsi d’acqua.

Città come New York , San Francisco e Los Angeles vantano belle panoramiche, economie robuste, ma anche un grande traffico.

Non è un caso che tutte queste quattro città stiano cercando di diventare più “bike friendly”, in particolare San Francisco, seguita rispettivamente da New York e Los Angeles.

Sia per gli spostamenti, l’avventura, le prestazioni, la salute o il turismo, mountain bike è radicata nella cultura della città di San Francisco.

Eppure , c’è qualcosa che manca: non c’è la pista ciclabile che collega gli abitanti della East Bay di San Francisco.

Anche se il nuovo Bay Bridge ha aperto di recente, ci vorranno altri 500 milioni di dollari ed almeno un decennio per collegare le due sponde con una pista ciclabile

Ma se la bicicletta è da sempre uno dei mezzi di trasporto più semplici e versatili, cosa succederebbe se le suddette città andassero oltre?

Se ​​potessero sfruttare il trasporto in bicicletta, utilizzando lo spazio costiero a loro vantaggio?

Una delle idee più originali è venuta a Judah Schiller, ideatore della prima water bike, una bici capace di andare sull’acqua e quindi di sfruttare percorsi alternativi nelle città sempre più congestionate.

 Immagine.Judah Schiller.1

Judah Shiller

Schiller è di Mill Valley (California) sulla baia di San Francisco.

Vive solo con 3 bambini, e ha sempre voluto mostrare ai suoi ragazzi che “tutto è possibile“.

Così, quando Schiller , esperto di progettazione, ha scoperto che la costruzione della pista ciclabile del San Francisco-Oakland Bay Bridge si sarebbe fermata a metà strada (ci sarebbero voluti $ 500 milioni  per costruire l’altra metà), ha cercato di trovare “un modo per portare tutti questi pendolari in bicicletta in città, la più bike-friendly del pianeta” e gli è venuta l’idea di una “bici acquatica”

Judah ha così montato su una bicicletta due galleggianti gonfiabili, una piccola elica e un supporto grazie al quale è possibile collegare la propria bici ai galleggianti.

Immagine.prototipo bici d'acqua

Tutto il kit è contenuto in uno zaino, e ci vogliono circa 15 minuti per montare la bicicletta d’acqua.

 Immagine.bici d'acqua.14

 Immagine.bici d'acqua.5

 Immagine.bici d'acqua

Il sogno di Schiller è che un giorno esista “una pista ciclabile virtuale che attraversi tutta la baia di San Francisco e le acque di altre città, formalizzando la bici d’acqua come una modalità di trasporto a tutti gli effetti”.

 Immagine.bay Cicle project

Anche in tale prospettiva ha successivamente dato vita al Progetto BayCycle, un’organizzazione specializzata nel “creare un nuovo modo di spostarsi in acqua pedalando“.

 Immagine.baycycle.1png

Per dare il via, Schiller è stata la prima persona a percorrere la baia di San Francisco attraversando in bicicletta il fiume Hudson, da Hoboken (New York) a Pier 66 (Manhattan).

 Immagine.bici d'acqua.0

 Immagine.bici d'acqua.6

 Immagine.bici d'acqua.4

 Immagine.bici d'acqua.7

 Immagine.bici d'acqua.2

 Immagine.bici d'acqua.8

 Immagine.bici d'acqua.11

 Immagine.bici d'acqua 9

 Il progetto di Schiller sta facendo i suoi primi passi.

 Immagine.bici d'acqua.12

 Immagine.bici d'acqua.3

 Immagine.bici d'acqua.15

 Immagine.bici d'acqua parcheggiate

L’obiettivo è realizzare bici d’acqua pratiche ed economiche entro il 2015: in tale prospettiva attraverso una campagna su IndieGoGo, Schiller vuole raccogliere $ 50.000 per finanziare il progetto.

 Immagine.indiegogo

Secondo Schiller “con due terzi della superficie del nostro pianeta coperti d’acqua e quasi un miliardo di biciclette in uso in tutto il mondo, la prossima evoluzione della bicicletta è finalmente arrivata.

Scivolando sulle acque dei fiumi fino a saltare le onde dell’oceano, la bici d’acqua unisce la gioia, l’avventura e la salute.

È inoltre in grado di fornire una nuova forma di alternativa sostenibile e conveniente per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che altrimenti rimangono seduti nel traffico sui ponti e nei tunnel per ore e ore ogni giorno.

Si può attraversare invece il fiume Hudson a New York in soli 15 minuti .

Ci sono molte città di tutto il mondo spaccate in due da analoghi corsi d’acqua che possono essere facilmente attraversati con le bici d’acqua!

Non è difficile immaginare che la bici d’acqua diventerà uno sport olimpico ed una forma di massa di trasporto.

Basti pensare che la mountain bike, da iniziale messo molto costoso che è stata iniziata a produrre alla fine del 1960, dieci anni dopo ha raggiunto un numero di vendite che ha superato quello delle normali biciclette da strada.

Ho intenzione di fare la stessa cosa con la bici d’acqua.

Ma ecco la sfida: in questo momento non c’è un ‘kit’ per bici d’acqua, che possa connettersi a qualsiasi normale bicicletta, indipendentemente dalle sue dimensioni o dai suoi modelli costruttivi.

Il mio obiettivo è quello di creare in questo 21° secolo un moderno sistema compatto, facile da usare, che funzioni universalmente con qualsiasi miliardo di bici esistenti sul pianeta per permettere di andare a cavallo sull’acqua.

Se il progetto BayCycle raggiunge il suo obiettivo di un finanziamento di $ 50.000 entro la fine della campagna, si sbloccano altri 50.000 dollari di fondi e di risorse gratuite e lavoro !

Questo ci permetterà di iniziare la progettazione e lo sviluppo delll’ecosistema con questo nuovo modello di bici che cambierà il volto della bicicletta e del trasporto per sempre !

Perché la corsa non finisce in riva al mare …”.

Si invita chi volesse sapere ancora più da vicino come funziona la bici d’acqua ad andare a vedere il video pubblicato sul sito del Corriere.it (http://video.corriere.it/usa-arriva-water-biking/cd328afe-2cce-11e3-bdb2-af0e27e54db3).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas