Lima, appello di Ban Ki-moon a responsabilità globale clima

(ANSA, ore 12,56 del 10 dicembre 2014) – “I governi stanno rispondendo come non lo avevano mai fatto prima” alla sfida del cambiamento climatico ma finora “la nostra azione collettiva non è stata all’altezza delle nostre responsabilità“.

È quanto ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, intervenendo alla XX Conferenza Onu sul clima, in corso nella capitale peruviana.

Esiste ancora una possibilità di restare al di sotto della soglia dei 2 gradi centigradi“, ha poi sottolineato Ban. Sempre in riferimento al livello massimo che può raggiungere il riscaldamento della temperatura globale, prima di provocare danni gravi ed irreversibili sull’ambiente, Ban ha aggiunto che “la possibilità di un’azione si sta riducendo“.

La Conferenza di Lima deve servire per preparare la bozza di un accordo a livello mondiale per la lotta contro il cambiamento climatico, da firmare nella prossima riunione promossa dall’Onu, nel dicembre del 2015 a Parigi.

A quattro giorni dalla chiusura della Conferenza, che ieri ha iniziato i dibattiti a livello di governo – con la partecipazione del ministro italiano per l’Ambiente, Gian Luca Galletti – restano ancora da definire questioni spinose, come l’entità e specificità dei contributi nazionali a un piano di azione globale e i meccanismi per la distribuzione e il controllo dei finanziamenti del Green Climate Fund, il fondo internazionale per il clima, che ha raggiunto i 9,95 miliardi di dollari.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas