Il cartellone pubblicitario firmato Zaha Hadid non piace ai londinesi

Articolo pubblicato il 10 dicembre 2014 sul sito htpp://www.casaeclima.com.

Potrebbe essere la ‘creatura’ più piccola di Zaha Hadid, di certo è quella più contestata.

 Immagine.Zaha Ahdid

Zaha Hadid

Usiamo il condizionale perché bisognerà attendere il 20 gennaio per sapere se il Comitato di pianificazione dei quartieri londinesi di Kensigton e Chelsea la approverà. 

Non si tratta di un’opera architettonica, o almeno non per come la si intende tradizionalmente, perché la struttura curvilinea (in perfetto stile Hadid) e scintillante che ricorda un nastro intrecciato non è una struttura abitabile ma sarà un manifesto pubblicitario. 

Immagine.scultura pubblicitaaria

L’architettura a servizio della pubblicità.

Immagine.Scultura pubblicitaria.1

Ma le polemiche non muovono tanto da questioni ‘morali’- anche perché non è così raro che le archistar si ‘concedano’ ai colossi dell’advertising, basti pensare che la società JCDDecaux che ha commissionato a Zaha Hadid la scultura vanta nel suo portfolio collaborazioni con Peter Eisenman, Robert Stern, Gae Aulenti, Philippe Starck e Lord Norman Foster- quanto piuttosto sulla presunta ‘bruttezza’ dell’opera e sulla sua pericolosità.  

Una distrazione per gli automobilisti?

La struttura infatti dovrebbe sorgere sul lato sud di West Cromwell Road, una delle strade principali e maggiormente trafficate di Londra, che dall’aeroporto di Heathrow conduce in centro città. 

Il rischio quindi è che l’iconica scultura, che di certo non passerebbe inosservata, potrebbe distrarre gli automobilisti causando rallentamenti, disagi alla viabilità ed incidenti. 

Immagine.Scultura pubblicitaria.2

In seconda battuta, occuperebbe gran parte del marciapiede, limitando o comunque influenzando anche il passaggio pedonale. 

Su questo punto, però, l’archistar non ci sta e ci ha tenuto a ribadire che la sua opera sarebbe in realtà più sottile e meno ingombrante del cartellone pubblicitario al posto del quale dovrebbe essere istallata. 

Immagine.Scultura pubblicitaria.3

Il progetto presentato prevede infatti una struttura ‘monoscocca’ che integra telaio in acciaio e pannelli di facciata  in un unico guscio, dalle linee sottili. 

Immagine.Scultura pubblicitaria.4

La forma prevede un involucro – si legge nel comunicato stampa diffuso dallo studio Zaha Hadid – che come un nastro si attorciglia attorno a un display luminoso nel quale verrà proiettata la schermata pubblicitaria (di un noto marchio di orologi), andando di fatti a rivoluzionare il tradizionale formato rettangolare.”  

Non solo pubblicità

Oltre a mostrare lo spot pubblicitario lo schermo verrà usato anche per promuovere messaggi di sicurezza e aggiornamenti sulla viabilità, così come per promuovere lavori di artisti, designer e architetti del luogo. 

Riqualificare un’area abbandonata e priva di identità

La struttura sarà anche il primo passo, ribadisce l’archistar, per riqualificare un’area abbandonata e degradata, poco valorizzata e priva di identità. 

Bisognerà vedere se anche i cittadini, finora piuttosto polemici, se ne convinceranno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas