Vas a Expo 2015

Expo 2015, sabato a Milano, ha scoperto le sue carte autocelebrandosi.
La kermesse che si è svolta all’Hangar Pirelli prevedeva prima delle conclusioni “pirotecniche” degli sponsor di Renzi, 42 tavoli di lavoro suddivisi per 4 aree tematiche:
1) Dimensioni dello sviluppo tra equità e sostenibilità; 2) Cultura del cibo, energia per vivere insieme;
3) Agricoltura, alimenti e salute per un futuro sostenibile; 4) La città umana, futuri possibili tra smart e slow city.

L’impressione che ne abbiamo tratto è che le tracce fossero già determinate e di conseguenza in gran parte la cosidetta “Carta di Milano” già definita.

Da qui al prossimo aprile faremo di tutto affinché alcune questioni siano affrontate e poste all’odg e abbiano risalto e trovino soluzioni positive.

Una per tutte la questione del lavoro: i nuovi poveri e chi ha diritto al cibo sono anche e soprattutto coloro che lavorano per assicurarlo alla maggior parte del Pianeta. Il caso Italia è emblematico. Centinaia di miglia di lavoratori, emigrati e non solo, costretti in schiavitù senza protezione e con salari da fame per produrre cibo per le società opulente e per le multinazionali.

A loro e al lavoro deve essere dedicato Expo 2015. In caso contrario lo slogan da “Nutrire il Pianeta, energia per la vita” deve essere sostituito “Nutrire il Pianeta o nutrire le multinazionale” ? E proprio all’insegna di questo slogan, in contemporanea a Palazzo Marino, si è svolto un convegno alternativo che ha tentato di dimostrare che ben altro si poteva fare come mettere al centro il cibo e l’acqua come beni comuni, così come bisogna rendersi conto che questo sistema alimentare non funziona più e produce squilibri e ingiustizie sociali. Sui queste questioni Vas si ripromette di portare il proprio contributo ed aumentare impegno e iniziative di lotta. Nella giornata di sabato, nei due eventi, Vas era rappresentata da Giorgio Diaferia, Guido Pollice, Gilberto Rossi, Francesco Tusino e Stefano Zago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas