Ora della terra

 

Immagine.Ora della terra

Alle 20.30 italiane di oggi arriverà quella che il WWF definisce Ora della Terra (Heart Hour) che verrà celebrata in tutto il mondo.

Questa grande manifestazione punta soprattutto a restituire, per un tempo limitato, quanto preso all’ambiente nel corso dei secoli.

 Immagine.Ora della terra.00

Ora della Terra (Earth Hour in inglese) è un evento internazionale ideato e gestito dal WWF che ha l’obiettivo di richiamare l’attenzione sulla necessità urgente di intervenire sui cambiamenti climatici in corso mediante un gesto semplice ma concreto: spegnere la luce per un’ora nel giorno stabilito.

Il risparmio energetico che ha come effetto minori emissioni di anidride carbonica, il principale dei “gas serra“, è del tutto simbolico ma ha lo scopo di sollevare l’attenzione sul tema dei cambiamenti climatici.

L’evento è anche mirato a ridurre l’inquinamento luminoso e nel 2008 è coinciso con l’inizio della National Dark Sky Week (settimana nazionale del cielo buio) negli Stati Uniti.

Nel 2014 l’evento globale ha coinvolto 7.000 città in 163 paesi e hanno aderito due miliardi di persone.

Nel 2009 l’Ora della Terra si è svolta il 28 marzo dalle 20:30 alle 21:30 e vi hanno aderito 4.000 tra città e municipalità.

Il WWF mirava a coinvolgere almeno 1.000 città e un miliardo di persone.

Il gesto, puramente simbolico, di spegnere per un’ora le luci coinvolge sia i semplici cittadini che le intere amministrazioni comunali.

L’iniziativa è nata in Australia, promossa dal World Wide Fund for Nature Australia (WWF), gruppo ambientalista, e dal Sydney Morning Herald. La prima Ora della Terra si è svolta a Sydney, in Australia, tra le 19:30 e le 20:30 del 31 marzo 2007.

Dal 2007 ad oggi è diventata la più grande mobilitazione su scala mondiale contro i cambiamenti climatici: solo nel corso degli anni successivi l’iniziativa si è allargata a macchia d’olio ‘lasciando al buio’ anche monumenti importanti come il Colosseo a Roma, il Cristo Redentore di Rio e la Tour Eiffel a Parigi.

Il WWF porta avanti questa manifestazione con il fine di sensibilizzare anche i governi delle nazioni che sfruttano maggiormente il territorio spingendoli a cambiare ‘rotta’ abbandonando magari i combustibili di origine fossile e puntando a fonti di energia rinnovabile.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas