La sovranità alimentare: 5 passi per raffreddare il pianeta e nutrire i suoi abitanti

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da Antonio Lupo Presidente Comitato Amigos sem Terra Italia il seguente documento su Agricoltura Eco, a cui anche VAS aderisce con grande gioia: contiene in modo magistrale i contenuti dell’Agroecologia, che in America Latina ha anche Cattedre Universitarie (altro che le nostre facoltà di Agraria, in gran parte proOGM…).

In particolare ad Antonio Lupo sembra estremamente importante che si parli non solo del modello AGROBUSINESS, ma anche della grande distribuzione ( compreso quella italiana..), che sta distruggendo, anche con la cooptazione tramite la vendita di qualche prodotto biologico o solidale, l’agricoltura sostenibile.

Immagine.Comitato Amigos MST 

Come il sistema alimentare industriale contribuisce alla crisi climatica 

Il 44-57% di tutte le emissioni di gas serra provengono dal sistema alimentare globale

Deforestazione: 15-18%

Agricoltura: 11-15%

Trasporti: 5-6%

Lavorazione & imballaggio: 8-10%

Congelamento & Dettaglio Retail: 2-4%

rifiuti:3-4% 

Emissioni non correlate all’alimentazione: 43-56% 

Deforestazione: 15-18% 

Prima dell’inizio della coltivazione, le ruspe fanno il loro lavoro. In tutto il mondo, l’agricoltura industriale sta facendo arretrare le savane, le zone umide e le foreste, arando enormi quantità di terra. La FAO dice che l’espansione della frontiera agricola è responsabile del 70-90% della deforestazione globale, almeno la metà per la produzione di alcuni prodotti agricoli per l’esportazione. Il contributo dell’agricoltura alla deforestazione rappresenta dunque il 15-18% di emissioni globali di gas serra.

Agricoltura: 11-15% 

È generalmente riconosciuto che l’agricoltura contribuisce per 11-15% di tutti i gas a effetto serra prodotti a livello globale.

La maggior parte di queste emissioni deriva dall’uso di input industriali, come fertilizzanti chimici e benzina per l’uso di trattori e macchine per l’irrigazione, nonché dall’eccesso di letame generato dagli allevamenti intensivi di bestiame. 

Trasporti: 5-6% 

Il sistema alimentare industriale agisce come una agenzia di viaggi globale. Colture per l’alimentazione animale possono crescere in Argentina e alimenti per i polli in Cile, che vengono esportati in Cina per la trasformazione e infine mangiati in un McDonald negli Stati Uniti. Gran parte del nostro cibo, coltivato in condizioni industriali in lontani luoghi, viaggia per migliaia di chilometri prima di raggiungere i nostri piatti. Possiamo stimare prudenzialmente che il trasporto di cibo rappresenti un quarto delle emissioni globali di gas serra legati al trasporto, o il 5-6% di tutte le emissioni di gas serra a livello mondiale.  

Lavorazione & imballaggio: 8-10% 

La lavorazione è il successivo, altamente redditizio, passaggio nella catena alimentare industriale. La trasformazione degli alimenti in pasti confezionati pronti, snack e bevande richiede un’enorme quantità di energia,soprattutto sotto forma di carbonio. Così come l’imballaggio e inscatolamento di questi alimenti.

La lavorazione e il confezionamento consentono alla industria alimentare di impilare le mensole di supermercati e negozi di alimentari con centinaia di formati diversi e marchi, ma genera anche un enorme quantità di emissioni di gas a effetto serra – circa l’8-10% del totale globale. 

Congelamento & Dettaglio: 2-4% 

La refrigerazione è il fulcro del moderno supermercato e dei vasti globali sistemi di approvvigionamento delle catene di fast food. Dove c’è il sistema alimentare industriale, c’è la catena del freddo. Considerando che il raffreddamento è responsabile per il 15 per cento di tutta l’elettricità consumata nel mondo, e che le perdite di refrigeranti chimici sono una delle principali fonti di emissioni di gas serra, possiamo tranquillamente dire che la refrigerazione di alimenti rappresenta circa il 1-2% di tutte le emissioni globali di gas serra.

La vendita al dettaglio di alimenti conta per un altro 1-2%.

Rifiuti:3-4% 

Il sistema alimentare industriale scarta fino a metà di tutto il cibo che produce, buttandololo via nel lungo viaggio dalle fattorie ai commercianti, alle industrie di lavorazione, e infine ai rivenditori e ristoranti.

Un sacco di questi rifiuti marcisce in cumuli e discariche di rifiuti, producendo notevoli quantità di gas a effetto serra.

Tra 3.5-4.5% delle emissioni globali di gas serra proviene dai rifiuti, e oltre il 90% di questi è prodotto da materiali provenienti dal sistema alimentare.

 *****************

La sovranità alimentare: 5 passi per raffreddare il pianeta e nutrire i suoi abitanti

01. PRENDERSI CURA DEL TERRENO  

L’equazione cibo / clima è radicata nella terra. 

L’espansione di pratiche agricole insostenibili nel secolo scorso ha portato alla distruzione tra il 30-75% della materia organica delle terre arabili, e il 50% della sostanza organica nei pascoli e nelle praterie. 

Questa massiccia perdita di materia organica è responsabile tra il 25% e il 40% dell’attuale eccesso di CO2 nell’atmosfera terrestre. 

Ma la buona notizia è che la CO2 che abbiamo emesso in atmosfera può essere rimessa di nuovo nel terreno, semplicemente ripristinando le pratiche che i piccoli agricoltori hanno usato per generazioni. 

Se entreranno in vigore in tutto il mondo politiche giuste e incentivi, i contenuti di sostanza organica del suolo potrebbero essere ripristinati a livelli pre-industriali agricoli in un periodo di 50 anni – che è più o meno lo stesso periodo di tempo che l’agricoltura industriale ha portato a ridurli. 

Questo eliminerebbe tra il 24-30% di tutte le attuali emissioni globali di gas a effetto serra. 

02.AGRICOLTURA NATURALE, SENZA SOSTANZE CHIMICHE 

L’uso di prodotti chimici nell’e aziende agricole industriali è in continuo aumento, cosicché i terreni sono ulteriormente esauriti e i parassiti e infestanti diventano immuni agli insetticidi ed erbicidi. 

I piccoli agricoltori di tutto il mondo, tuttavia, possiedono ancora la conoscenza e la diversità delle colture e degli animali per coltivare in modo produttivo senza l’uso di sostanze chimiche, attraverso la diversificazione dei sistemi colturali, l’integrazione delle colture e della produzione animale, e l’incorporazione di alberi e vegetazione selvaggia. 

Queste pratiche aumentano il potenziale produttivo della terra, perché migliorano la fertilità del suolo e prevengono l’erosione del suolo. 

Ogni anno una maggior quantità di materia organica viene ricostituita nel terreno, rendendo possibile la produzione di sempre maggior quantità di cibo. 

03. Tagliare le miglia percorse dal Cibo e focus sugli Alimenti Freschi.

La logica aziendale che si traduce nella spedizione di alimenti in tutto il mondo, avanti e indietro, non ha senso dal punto di vista ambientale, o di qualsiasi altra prospettiva per la materia.

Il commercio mondiale di alimenti, dall’apertura di vaste aree di terre e foreste per la produzione di materie prime agricole per i cibi surgelati che si vendono nei supermercati, è il principale colpevole del contributo del sistema alimentare all’aumento alle emissioni di gas serra. 

Gran parte delle emissioni di gas serra del sistema alimentare può essere eliminato se la produzione alimentare è riorientata verso i mercati locali e i cibi freschi, allontanandosi dalla produzione di   carne a buon mercato e dagli alimenti trasformati. 

Ma il raggiungimento di questo obiettivo è probabilmente la battaglia più dura di tutte, poiché imprese e governi sono profondamente impegnati ad ampliare il commercio di prodotti alimentari. 

04.Dare la terra agli agricoltori, e fermare la MegaPiantagioni  

Nel corso degli ultimi 50 anni, l’incredibile cifra di 140 milioni di ettari – la dimensione di quasi tutto il terreno agricolo in India – è stata rilevata da quattro colture, prevalentemente in grandi piantagioni: soia, olio di palma, colza e canna da zucchero. 

L’area globale in queste e altre colture industriali di materie prime, tutte note emittenti di gas serra, è destinata a crescere ulteriormente, se le politiche non cambiano. 

Oggi, i piccoli agricoltori sono schiacciati su meno di un quarto delle terre agricole del mondo, ma continuano a produrre la maggior parte del cibo del mondo – l’80% dei prodotti alimentari nei paesi non industrializzati, dice la FAO. 

I piccoli agricoltori producono questo cibo in misura molto più efficiente delle grandi piantagioni, e in modi che sono migliori per il pianeta. 

Una ridistribuzione planetaria delle terre ai piccoli agricoltori, insieme a politiche per aiutare a ricostruire la fertilità del suolo e a politiche per sostenere i marcatori locali, è in grado di ridurre della metà le emissioni di gas serra nel giro di pochi decenni. 

05.Dimenticare le false soluzioni, Focalizzarsi su ciò che funziona

Vi è una crescente consapevolezza che il cibo è centrale per il cambiamento climatico.

Gli ultimi rapporti dell’IPCC e i vertici internazionali hanno riconosciuto che il cibo e l’agricoltura sono le principali responsabili di emissioni di gas serra e che il cambiamento climatico pone enormi sfide alla nostra capacità di alimentare una popolazione mondiale in crescita.

Eppure è stata pari a zero la volontà politica di sfidare il modello dominante della produzione alimentare industriale e della distribuzione. 

Invece, i governi e le corporazioni propongono una serie di false soluzioni. 

C’è il guscio vuoto dell’Agricoltura Climaintelligente, che è essenzialmente solo un rimarchio della Rivoluzione Verde. 

Ci sono nuove, tecnologie a rischio come ad esempio le colture geneticamente modificate per resistere alla siccità o progetti di geo-ingegneria su larga scala. 

Ci sono mandati per i biocarburanti, che stanno guidando gli accaparramento di terre nel Sud. 

E ci sono i mercati del carbonio e progetti REDD +, che consentono sostanzialmente ai peggiori trasgressori di emissioni di gas serra di evitare tagli alle emissioni, turnando le foreste, i terreni agricoli dei contadini e delle popolazioni indigene nei parchi di conservazione, e le piantagioni.

Nessuna di queste “soluzioni” può funzionare, perché tutte lavorano contro l’unica soluzione efficace: il passaggio da un sistema alimentare globalizzato, industriale, governato da corporazioni a sistemi alimentari locali nelle mani dei piccoli agricoltori.

http://viacampesina.org/en/index.php/actions-and-events-mainmenu-26/-climate-change-and-agrofuels-mainmenu-75/1717-food-sovereignty-5-steps-to-cool-the-planet-and-feed-its-people

Food sovereignty: 5 steps to cool the planet and feed its people

 La Via Campesina and GRAIN

Immagine.Via Campesina.1

Immagine.Via Campesina.B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas