Colosseo, «ricostruiremo l’arena». L’annuncio del ministro Franceschini

 

Alla proposta del Ministro Dario Franceschini di rifare l’arena del Colosseo così come proposta dal prof. Daniele Manacorda è stato dedicato su questo sito un articolo pubblicato il 10 novembre 2014 dal titolo “Il tweet del Ministro per la cultura e le attività commerciali” (http://www.vasonlus.it/?p=8635).

Lo stesso giorno è stato pubblicato un articolo dal titolo “Supercalifragilistichespiralidoso al colosseo” che riportava il giudizio critico sulla proposta di Tomaso Montanari (http://www.vasonlus.it/?p=8680) ed un altro articolo dal titolo “Il Colosseo e Maometto II” che riportava il giudizio altrettanto critico dell’archeologa classica Anna Maria Guermandi (http://www.vasonlus.it/?p=8761).

Il Ministro Dario Franceschini torna a confermare la sua idea: ce lo fa sapere l’articolo pubblicato ieri 17 aprile 2015 sul sito http://roma.corriere.it.

Immagine.Colosseo scoperto

«Ricostruire l’arena del Colosseo com’è stata fino all’Ottocento è un modo per tutelare il monumento», per renderlo più accessibile e più comprensibile ai visitatori, «e lo faremo». 

Immagine.Collosseo nell'800

Lo ha annunciato il ministro della cultura Franceschini concludendo il suo discorso al XIX Convegno del Fai. 

In un Colosseo con l’Arena ricostruita, spiega Franceschini, si possono fare «rappresentazioni uniche al mondo, con diritti tv sufficienti per restaurare tutta l’area archeologica centrale». 

La copertura, ribadisce poi a margine, «si farà». 

«No al parco archeologico»

Prima del ministro, sulla questione dell’area archeologica centrale di Roma era intervenuto il presidente del consiglio superiore dei beni culturali Giuliano Volpe, a capo della commissione paritetica Mibact-Roma capitale, che si è detto contrario all’idea di trasformare l’area centrale in un grande parco archeologico: «Sarebbe visitato soprattutto dai turisti e rischierebbe di diventare un non luogo che espelle i cittadini. L’area archeologica centrale romana, che è la più grande d’Italia e non solo, deve essere un luogo vitale e vivo».

Ci vuole tutela, ha detto Volpe, e «ci vuole buona comunicazione che fronteggi la cattiva comunicazione, quella del sensazionalismo, dei misteri, della fanta-archeologia. Ci vuole un racconto che renda la complessità senza banalizzare».

Anche nella tutela, ha aggiunto il presidente del Consiglio superiore dei beni culturali, «bisogna evitare i conservatorismi, servono ricostruzioni, anastilosi, strumenti che aiutino la comprensione e la fruizione».

Anche la ricostruzione dell’arena del Colosseo aiuterebbe a «migliorare la comprensione e la fruizione del monumento».

«Sì a un nuovo tetto»

Non è la prima volta che il ministro Franceschini si dice a favore alla ricostruzione di un tetto e di una nuova «arena» per il Colosseo come nell’Ottocento. 

«Idea bella e coraggiosa» scriveva il ministro su Twitter lo scorso 2 novembre e commentando la proposta di Daniele Manacorda, professore di Metodologia e tecnica della ricerca archeologica all’Università di Roma Tre. 

«Nelle vedute ottocentesche l’arena calpestabile»

Nel suo articolo pubblicato su «Archeo», Manacorda scrive :«Le vecchie vedute ottocentesche ritraggono ancora il Colosseo con la sua bella arena viva perché calpestabile, e quindi privatamente o pubblicamente usabile e usata.

Immagine.Colosseo coperto Alinari

Poi è successo qualcosa.

Pian piano, a cavallo tra il XIX e il XX secolo, l’arena è stata progressivamente scoperchiata, l’invaso del monumento è stato scavato attraverso una complicata sequela di vicende, i suoi sotterranei sono stato messi a nudo: un’infinità di dati archeologici sono andati perduti, ma tanti altri dati – a mano a mano che l’archeologia irrobustiva i suoi metodi – sono stati raccolti, sicché oggi i sotterranei del Colosseo sono una fonte ancora inesaurita di “racconti”». 

Il problema però ora è evidente: «Perché i sotterranei del Colosseo stanno a pancia all’aria sotto il sole e non sono tornati là dove dovevano stare?

O meglio: perché non è tornata su di loro quella coltre necessaria e antica dell’arena, appunto, che oltre a dar loro la dovuta protezione, gli avrebbe dato anche quel che adesso gli manca, cioè un senso?».

Immagine.Colosseo coperto.00

Il grande restauro

La ricostruzione dell’arena si aggiunge alla grande operazione di restauro ora in corso finanziata con 25 milioni di euro dal gruppo Tod’s-Della Valle.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas