Roma capitale anche della fauna selvatica

 

(ANSA del 16 maggio 2015, ore 14,23) – Roma è anche la capitale della fauna selvatica.

Falchi pellegrini, gheppi, allocchi, picchi, pappagalli, e gabbiani reali sono solo alcune delle specie che volano sui cieli romani e vivono fra tetti, ville, e monumenti della città eterna, dove ogni anno 5mila esemplari selvatici vengono recuperati e reintrodotti in natura.

Immagine.Picchio verde

È quanto emerge dal rapporto “Note di rondini” presentato dal Corpo forestale dello Stato in collaborazione con la LIPU in occasione della V/a edizione del Festival del Verde e del Paesaggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Immagine.Festival del verde e del paesaggio

Proprio grazie ai numerosi parchi pubblici, zone verdi e ai siti archeologici dove molte specie nidificano, Roma è una città a prova di biodiversità e dove “la convivenza con l’uomo è quasi sempre ben tollerata“.

Roma è un esempio verde per l’Italia – sottolinea Alessandro Bottacci, Capo Ufficio Biodiversità del Corpo forestale dello Stato – e noi cerchiamo di mettere in atto tutte le azioni necessarie per salvaguardare tutti gli animali“.

Inoltre da anni colonie di specie non autoctone, come i pappagalli parrocchetti dal collare e parrocchetti monaco, sono presenti al parco della Caffarella, a Villa Pamphili e a Villa Borghese.

Immagine.Parrocchetti dal collare

A Roma nidificano 78 specie di uccelli come il gheppio nelle zone del Colosseo, di San Pietro e delle Terme di Caracalla.

Immagine.Gheppio

Poi c’è l’allocco a villa Ada con 6/7 coppie in 1 kmq.

Immagine.Allocco

Tra i mammiferi, sono presenti ricci, faine, volpi e cinghiali che attirano i lupi sempre più vicino al nord della capitale.

Immagine.Faina

Ci sono anche rospi, raganelle e rane.

Inoltre alla fine degli anni ’90 venne segnalata la presenza di grossi granchi in pieno centro.

Se la città di Roma abbraccia la fauna selvatica è anche grazie alla Forestale e alla Lipu che ogni anno salvano 5mila esemplari che vengono ospitati al centro di recupero fauna selvatica gestito da LIPU e dal Comune di Roma.

Tra questi, oltre 200 sono uccelli rapaci, oltre 4000 tra passeriformi, aironi e uccelli acquatici.

I mammiferi sono circa 600: lupi, volpi, istrici, tassi, ricci e pipistrelli.

Immagine.Lupo

Gli ultimi arrivati sono degli anatroccoli di Casarca, anatra che da circa 4 anni nidifica sul tetto di Palazzo Chigi trasferiti dalla Forestale al CRFS Lipu.

Francesca Manzia responsabile del centro LIPU infine ha ricordato che “quando si trova un animale selvatico la prima cosa da fare è rivolgersi a chi sa come trattarlo perché sbagliare qualcosa significa compromettere la sua liberazione“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vas