Toti e il Piano casa: «Cemento nei parchi? In Liguria sono troppi»

 

Il Secolo XIX 19.10.2015.1.Il Secolo XIX 19.10.2015.2.Il Secolo XIX 19.10.2015.3.Il Secolo XIX 19.10.2015.4.

il Secolo XIX 19.10.2015

Il 3° comma dell’art. 145 del D.Lgs. n. 42/2004, con cui è stato emanato il “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”, prescrive testualmente: “3. Le previsioni dei piani paesaggistici .. non sono derogabili da parte di piani, programmi e progetti nazionali o regionali di sviluppo economico, sono cogenti per gli strumenti urbanistici dei comuni, delle città metropolitane e delle province, sono immediatamente prevalenti sulle disposizioni difformi eventualmente contenute negli strumenti urbanistici, stabiliscono norme di salvaguardia applicabili in attesa dell’adeguamento degli strumenti urbanistici e sono altresì vincolanti per gli interventi settoriali. Per quanto attiene alla tutela del paesaggio, le disposizioni dei piani paesaggistici sono comunque prevalenti sulle disposizioni contenute negli atti di pianificazione ad incidenza territoriale previsti dalle normative di settore, ivi compresi quelli degli enti gestori delle aree naturali protette.

Il governatore Toti e la sua Giunta sembrano ignorare la suddetta normativa o la considerano un optional.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas