Clima: un ‘orso polare’ a Cop21 urla per sollecitare leader

 

Orso a Cop21.

Nel giorno che dovrebbe sancire la presentazione del testo dell’accordo finale, a sorvegliare i lavori della Conferenza Onu sul Clima arriva un osservatore molto insolito.

Si chiama Aurora, nome ispirato alle aurore boreali, ed è un orso polare meccanico gigante, già protagonista di diverse proteste di Greenpeace per chiedere maggiore tutela per i territori dell’Artico.

Installata lungo la strada verso il centro congressi in cui si tiene la Cop 21, Aurora ha raccolto intorno a sè numerosi rappresentanti delle popolazioni indigene di tutto il mondo, “per ricordare ai decisori politici che il cambiamento climatico riguarda tutti, dalle terre artiche (ancora) ghiacciate alle isole del Pacifico“.

Quando Aurora bramisce, ‘urla’ per miliardi di persone” che sperano in un accordo efficace nelle prossime 72 ore, sottolineano i militanti di Greenpeace.

Orso di Green Peace.

https://twitter.com/search?q=%23insideCOP21

Aurora è alta quanto un bus londinese a due piani, pesa tre tonnellate ed è manovrato dall’interno da un team di 15 persone che possono muoverne la testa e le mascelle.

Orso a Cop21.1.

Si è già ‘esibita’ in altre manifestazioni di Greenpeace fra cui il 15 settembre scorso a Londra, per una campagna a difesa dell’Artico, davanti al quartier generale della compagnia petrolifera Shell, trascinato con delle corde da una trentina di persone. (vedi http://www.vasonlus.it/?p=18671)

 

(ANSA del 9 dicembre 2015, ore 14:04)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas