Presentazione ricorso ad adiuvandum contro il commissariamento di Bagnoli

 

logo VAS.       VENERDÌ 11 DICEMBRE, ore 15:00 – Via Verdi

Presentazione ricorso ad adiuvandum contro l’art.33 del D.L. 133/2014 (Sbloccaitalia)

 

… l’area resasi libera a Bagnoli può divenire una delle meraviglie della città, creatrice e portatrice di eccezionali significati culturali, sociali, ambientali e produttivi: ciò in virtù dell’ineguagliabile posizione, della grandissima estensione e del fatto di essere già patrimonio pubblico.

È evidente che una scelta in tal senso richiama come premessa fondamentale due condizioni:

a) la cancellazione degli elementi deturpanti e di degrado (dall’enorme colmata a mare ai pontili, con la contestuale bonifica dall’inquinamento del suolo e del mare);

b) la conservazione dell’identità unitaria dell’area.

Ciò significa da una parte, sul mare, il ripristino della naturalità della linea di costa, in una continuità di bellezza e di valori dall’isola di Nisida fino alle prime scogliere puteolane, e dall’altra la protezione integrale da ogni aggressione di cemento dell’intera area compresa tra la linea di costa stessa e il limite dell’attuale abitato. Nessuno scatolone di cemento, pubblico o privato, può trovare spazio dentro a tale area, ma quanto viene introdotto, anche di edificato, deve richiamare la coerenza, l’essere in simbiosi con l’identità estetica del luogo: un’identità cioè che si affaccia sulla bellezza infinita della natura e che allo stesso tempo l’esalta perché è essa stessa scena di bellezza; un’identità che è perciò tutta bene comune, dal recupero della spiaggia e della libera balneazione alla tutela dell’archeologia industriale, dal termalismo alle emergenze vulcaniche, dal nuovo moderno da introdurre al disegno e alla realizzazione di una molteplicità di spazi delle luci e dei colori della biodiversità del Mediterraneo, così da pensare di denominare questa identità estetica il Giardino del Mediterraneo”. Antonio D’Acunto [1]

NO al Commissariamento – NO all’esproprio della democrazia

I VAS (VERDI AMBIENTE E SOCIETÀ) confermano la loro avversione al Commissariamento di Bagnoli, un’offesa all’istituzione comunale ed alla democrazia.

Napoli ha in sé le capacità per gestire il proprio territorio

Bagnoli va bonificata

per la salute dei propri abitanti e per affermare nell’area, con il controllo popolare, un progetto di sviluppo che, nel rispetto dei valori che Bagnoli esprime, dia al territorio un futuro non speculativo

NO alla privatizzazione della spiaggia e a politiche clientelari

 

Sì ad un programma di tutela del territorio, di servizi sociali, di spazi per la memoria

Sì al diritto alla salute, alle scuole, al lavoro, al recupero della memoria

Sì ai bisogni del territorio ed al parco urbano

 

__________________________

[1] Antonio D’Acunto, Alla ricerca di un nuovo umanesimo- Ed. La Città del Sole, 2015

********************

 Venerdì 11 dicembre 2015, alle ore 16, presso la sede di via Verdi del consiglio comunale di Napoli si svolgerà nella sala Nugnes la seconda seduta pubblica della Costituente Cittadina per Bagnoli.

La Costituente riunisce movimenti, cittadini, tecnici, associazioni ed istituzioni che intendono avversare il commissariamento disposto dal Governo ed ogni manovra speculativa sull’area, di Bagnoli, promuovendone una riqualificazione partecipata, socialmente equa ed ambientalmente sostenibile.

L’iniziativa farà il punto sugli ultimi sviluppi politici, urbanistici e giudiziari della vicenda e sulle azioni che movimenti ed istituzioni cittadine stanno portando avanti contro il commissariamento operato dal governo Renzi.

Nel corso della seduta, verrà illustrato il ricorso ad adiuvandum sul dispositivo presentato dal Comune di Napoli contro l’articolo 33 del decreto SbloccaItalia, che associazioni, movimenti e cittadini depositeranno nei prossimi giorni presso il TAR Campania.

Interverranno gli avvocati Luciano Santoianni e Claudia Esposito, estensori del ricorso.

Sono stati invitati ed interverranno l’assessore all’urbanistica del comune di Napoli, architetto Carmine Piscopo, ed il coordinatore dell’Avvocatura del comune di Napoli, avvocato Fabio Ferrari.

Parteciperanno il senatore Massimo Villone, i professori Luigi Ferrara, Pasquale Colella, Alessandro dal Piaz ed Ugo M. Olivieri, l’architetto Andrea Furgiuele, esponenti della Fiom di Napoli e della Campania, della cofederazione Cobas, della Federazione campana della USB; Ermete Ferraro, segretario cittadino Vas, Nino Ferraiuolo e Eugenio Donise , dell’ARS (Asociazione rinnovamento della sinistra), i membri del comitato napoletano per la difesa della Costituzione Alodo Pappalepore, Giovanni Lamagna e Antonio Frattasi ( segr. prov.le Pdci).

Sono invitati i cittadini e la stampa.

Assise Cittadina per Bagnoli

Info:

e-mail: assisebagnoli@gmail.com

telefono mobile 340 271 6771

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas