Buone nuove da Sorrento: basta volerlo e il cemento si può fermare

 

parcheggio-rota

Il mega parcheggio nel centro di Sorrento bloccato dalla magistratura con quattro condanne per falso ed abuso di ufficio: si è così concluso il processo per la realizzazione di una enorme struttura interrata con 252 box che avrebbe dovuto prendere il posto di un agrumeto tipico nel centro di Sorrento.

sorrento_sradicamentogrossiulivi2

A stabilirlo è stato il Collegio del Tribunale di Torre Annunziata presieduto dal giudice Maria Rosaria Aufieri.

L’indagine partì dopo gli esposti presentati al Commissariato di Sorrento da parte delle forze politiche di opposizioni e dalle associazioni ambientaliste.

E’ stata così accolta la tesi accusatoria sostenuta dal pubblico ministero e dalle associazioni ambientaliste, VAS onlus e WWF, costituitesi parti civili.

Nel dettaglio è stato condannato ad un anno ed otto mesi di reclusione, pena sospesa, l’avvocato Adriano Bellacosa, proprietario del terreno, ed ex assessore all’Ambiente ed alla Legalità della Provincia di Salerno.

Identica la pena inflitta all’imprenditore Giuseppe Langellotto, rappresentante legale della Edilgreen, la società che stava realizzando l’intervento e i funzionari della Città Metropolitana di Napoli Lucio Grande e Dario Perasole, che autorizzarono l’intervento, in qualità di commissari.

Per questi ultimi due il Collegio ha anche disposto l’interdizione per un anno e sei mesi dai pubblici uffici.

Inoltre tutti gli imputati sono stati condannati a versare una somma a titolo di provvisionale in favore delle associazioni Vas e Wwf e le spese giudiziarie.

Grande soddisfazione è stata espressa dall’avvocato Johnny Pollio, che rappresentava i VAS onlus nel giudizio e dallo stesso Presidente dell’associazione, il senatore Guido Pollice che invita i cittadini nel mantenere alto il livello di attenzione per la salvaguardia e tutela ambientale della Penisola Sorrentina.

Ass. Verdi Ambiente e Società-VAS Onlus

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas