REFERENDUM, 60ENNE DENUNCIA RENZI E NAPOLITANO PER “INVITO ALL’ASTENSIONE”. CARABINIERI STUPITI

 

Denuncia Renzi e Napolitano.00

Renzi e Napolitano, abusando della loro funzione, hanno esortato pubblicamente il popolo italiano all’astensione al referendum del 17 aprile”.

E un 60enne di Racale denuncia ai carabinieri il presidente del Consiglio dei Ministri e l’ex presidente della Repubblica e attuale senatore a vita.

Protagonista della singolare vicenda post-referendum sulle trivelle è Francesco Santantonio da Torre Suda, marina di Racale.

Questa mattina alle 8.30 l’uomo si è presentato nella stazione dei carabinieri del suo comune chiedendo di voler sporgere formale denuncia nei confronti di Renzi e Napolitano “per violazione dell’articolo 98 del Testo Unico del 1957”.

All’iniziale stupore dei militari che hanno raccolto questa istanza, è seguita la formalizzazione della querela.

Denuncia Renzi e Napolitano.1.

Denuncia Renzi e Napoliotano.2.

Secondo il denunciante, dunque, il premier e l’ex presidente della Repubblica, abusando della loro funzione, avrebbero esorato i cittadini all’astensione.

Il referendum popolare è uno strumento dell’ormai decaduta democrazia e rappresenta un diritto-dovere dell’elettore – ha fatto mettere a verbale dai militari – Nessuna ragione poteva indurre i querelanti ad assumere questo atteggiamento”.

Secondo il salentino, ancora, i massimi rappresentanti dello Stato dovrebbero essere ligi ai dettati legislativi e costituzionali.

Chiedo una severa punizione dei colpevoli” – ha concluso nella denuncia.

 

(Articolo di Paola Colaci, pubblicato con questo titolo il 18 aprile 2016 sul sito “Leggo”)

 

****************

Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n 361 e successive modifiche

Art. 981. Il pubblico ufficiale, l’incaricato di un pubblico servizio, l’esercente di un servizio di pubblica necessità, il ministro di qualsiasi culto, chiunque investito di un pubblico potere o funzione civile o militare, abusando delle proprie attribuzioni e nell’esercizio di esse, si adopera a costringere gli elettori a firmare una dichiarazione di presentazione di candidati od a vincolare i suffragi degli elettori a favore od in pregiudizio di determinate liste o di determinati candidati o ad indurli all’astensione, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire 600.000 a lire 4.000.000.

******************

Il 6 aprile 2016 il Presidente del Consiglio Matteo Renzi era stato denunciato sempre “per induzione all’astensione” dall’Avv. Arnaldo Miglino. (vedi http://www.salernotoday.it/politica/referendum-trivelle-avvocato-miglino-denuncia-renzi.html)

*******************

Anche Paolo Ferrero il 15 aprile 2016 ha denunciato il Presidente del Consiglio.

Paolo Ferrero denuncia Renzi.00

Paolo Ferrero denuncia Renzi.1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas