In Danimarca bici abbandonate diventano orti urbani

 

Bici orto.1.

Pollice verde, un po’ di fantasia e tanta ecosostenibilità.

In Danimarca, ad Aarhus, nominata capitale europea della cultura per il 2017, un gruppo di ragazzi ha dato una nuova vita a delle biciclette abbandonate, trasformandole in piccoli giardini urbani con cassettine di piante, fiori ed erbe aromatiche.

Bici orto.2

Il progetto si chiama, in danese, Cykelhaver ‘giardini della bicicletta’ ed è il frutto dell’idea di un gruppo di ragazzi di 19 anni di Aarhus per abbellire il quartiere latino della città in collaborazione con Gro Selv, programma che sostiene progetti su temi come ‘sostenibilità, clima e riciclo’ del ‘network verde’ danese Concito.

I ragazzi – come si legge sulla pagina Facebook del progetto – dopo aver visto alcune biciclette abbandonate in città, hanno deciso di contattare Gro Selv e di proporre la loro iniziativa.

Così nei giorni scorsi 50 ragazzi di Aarhus si sono riuniti per dipingere e decorare le bici con cassette in cui avevano piantato timo, rosmarino, prezzemolo, fragola e menta; biciclette che per i prossimi due mesi orneranno l’esterno di caffè e ristoranti nel quartiere latino della città.

Bici orto.5.

Bici orto.3

Esben Vestergaard Pedersen, responsabile di Gro Selv ad Aarhus, come riporta il sito TreeHugger, spiega che “l’organizzazione ha aiutato i giovani volontari a trovare vernici, strumenti e materiali di recupero come il legno per fare le scatole delle erbe” e che “i ragazzi hanno avuto l’idea pensando che quelle biciclette rotte e abbandonate per strada fossero uno spettacolo molto triste“.

 

Bici orto.4.

Secondo Pedersen “ora i ragazzi sperano di raccogliere le loro piccole colture urbane per un pasto celebrativo tra circa due mesi“.

Infine conclude che “se il progetto si dimostrerà popolare potrebbe continuare oltre l’estate” e che “finora la reazione in città è stata assolutamente positiva“.

 

(ANSA del 27 aprile 2016, ore 17:50)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas