ABUSI DA PARTE DEI GESTORI DI CONCESSIONI COMUNALI E SILENZIO COMPLICE DELL’AMMINISTRAZIONE

 

La democrazia sospesa di questo paese e la trasparenza degli atti amministrativi millantata on line sul portale della città sono  una menzogna!  

Cercare di leggere un’ordinanza che a mio parere è incostituzionale, la 198 del 21.08.17 che vieta l’accesso agli arenili dopo le 20 di sera, è impossibile; l’albo pretorio del comune di Vico Equense, improvvisamente salta dal gennaio 2017 al 2013, un buco di trasparenza di ben 4 anni, buco nel quale ricade anche questa ordinanza.

Silenzio da parte di chi dovrebbe fare l’opposizione, da parte del PD locale e da parte dei 5 Stelle. 

E’ pronto già un esposto alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata a firma VAS contro questa ordinanza che sta consentendo nel silenzio e nella impunità, veri e propri abusi da parte dei gestori delle concessioni che riguardano gli arenili. 

La chiusura, verrebbe motivata per motivi di sicurezza: le spiagge come luogo di orge notturne e consumo di droga e, se così fosse, questa amministrazione dovrebbe chiudere e non consentire la frequentazione di tutti i locali che sono sulla via Murrano  ogni venerdì sera, perché quell’area diventa terra di nessuno fino alle prime ore dell’alba, dove viene consumato di tutto: dall’alcool venduto a minori a ogni genere di droghe. 

Molti cittadini hanno già denunciato questo stato di cose.

Quindi la motivazione della chiusura per motivi di sicurezza è falsa il consumo di droghe a Vico Equense avviene dovunque, non certo sulle spiagge!  

Ben altri sono i motivi e li stiamo vedendo tutti quest’anno: alle Calcare in una maniera indecente e vergognosa, si tollera che un gestore di una concessione comunale, sempre lo stesso da anni, come tutti gli altri, chiuda il cancello alle 20 e lo apre solo per quelli che vanno a mangiare nel suo ristorante improvvisato (mi chiedo dove siano i controlli dell’ASL per la somministrazione di cibo e bevante), inoltre, lo stesso titolare della concessione non lascia libera la spiaggia da lettini e ombrelloni, come dovrebbe fare per risistemarli la mattina su richiesta dei bagnanti, ma li mantiene fissi  a mò di stabilimento balneare.

A nulla sono valse le proteste dei cittadini che chiedevano di accedere a quell’arenile dopo le 20. Stessa storia al Pezzolo: un cancello montato qualche mese fa, chiude l’accesso alla spiaggia, molti stranieri, abituati a fare il bagno di notte sono tornati indietro, per le antiche scalette  e attraversando l’ultimo tratto che versa in condizioni indecenti per la permanenza di rifiuti abbandonati e mai raccolti

Ora, la mia richiesta al magistrato è se tutto questo è costituzionale?

Al di la della legittimità o meno di come vengono abusate le concessioni date e non controllate dall’amministrazione, che è comunque cosa non da poco,se si può impedire ad un cittadino che voglia farsi un bagno di sera l’accesso al mare, solo perché una ordinanza che sembrerebbe volta solo a salvaguardare gli interessi dei gestori di concessioni ne vieta  l’accesso? 

Negli anni 70 i cittadini di questo paese riuscirono a ottenere di passare davanti alle Axidie  chiuse da una sbarra che impediva l’accesso alle Calcare e demolire due vecchi barconi che occupavano quell’area. 

Oggi si chiudono le spiagge con cancelli  che si aprono solo per favorire interessi  abusivi di privati.

Tutto questo non è più tollerabile!

 

(Articolo di Franco Cuomo, responsabile del Circolo Territoriale di Vico Equense “Giovanni Esposito”, pubblicato con questo titolo il 24 luglio 2018 sul blog “Cronache da Agharta”)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas