L’erosione ha divorato un terzo delle coste in India

 

NEW DELHI – Quasi un terzo delle coste indiane è stato eroso negli ultimi 26 anni sia per cause naturali sia per l’intervento dell’uomo, secondo uno studio del National Center For Coastal Research.

Lo riporta oggi il quotidiano Times of India.

Dal 1990 al 2016 gli studiosi hanno monitorato 6.031 km sul totale dei 7.517 delle coste del subcontinente, constatando che il 33 per cento ha subito erosioni, in particolare sulla costa est, quella affacciata sul Golfo del Bengala.

Nello stato del Bengala Occidentale è stato eroso il 63 per cento della linea costiera, con la perdita di 99 km quadrati di terra. 

La seconda area più danneggiata è quella di Pondicherry, oggi Puducherry, nel Tamil Nadu.

In questo quarto di secolo, aggiunge M. V. Murthy, direttore del NCCR, uno degli autori dello studio, un accrescimento delle rive, conseguenza dell’apporto di sedimenti di varia natura, ha quasi controbilanciato l’erosione.

I due fenomeni sono complementari, ma non si bilanciano, sottolinea lo studioso.

L’erosione causa la perdita degli insediamenti umani, perché l’acqua salata si spinge sempre più all’interno e rende i terreni non più coltivabili; colpisce inoltre i pescatori che usano imbarcazioni di dimensioni ridotte, e partono dalle baie più piccole: se queste scompaiono, intere famiglie devono trasferirsi. 

L’accrescimento, al contrario, spesso è negativo per l’ecosistema: nei delta dei fiumi e nelle insenature, in particolare, i sedimenti finiscono per sbarrare il flusso, danneggiando la fauna e la flora endemiche di queste aree acquatiche.

Un nuovo studio è già avviato, in tutta l’India, per identificare le cause dei fenomeni stato per stato. 

 

(ANSA del 13 agosto 2018, ore 10:12)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas