Nella Provincia di Belluno si va a caccia in pieno buio!

 

La Provincia di Belluno, con l’approvazione del calendario venatorio provinciale per la stagione di caccia 2018/2019, ha nuovamente concesso lo sparo con armi a canna rigata un’ora dopo il tramonto consentendo così di sparare anche in presenza di buio pesto, mentre 3 anni fa, a seguito di un consiglio di sicurezza che verteva proprio sulla vicenda, si era deciso di impedire lo sparo oltre una certa ora per mancanza di visibilità e quindi mancanza di sicurezza.

Si ricorda che ogni stagione venatoria comporta decine di morti e feriti ed è noto che l’uso del visore notturno non genera immagini perfette, quindi espone a maggior rischio i cittadini.

Non è stata inoltre accolta la richiesta inoltrata da più associazioni, anche di escursionisti, di ridurre la caccia a femmine e piccoli a due mesi, anzi, quest’anno, rispetto allo scorso anno, la caccia a femmine e piccoli di Capriolo (Capreolus capreolus) inizierà il primo di ottobre anziché il 15.

Si ricorda che ottobre è il mese preferito dagli escursionisti.

Si auspica un intervento tempestivo affinché l’orario notturno non sia consentito e la caccia a femmine e piccoli sia ammessa solamente nei mesi di novembre e dicembre, non più di 3 giorni la settimana come richiesto.

Spiace vedere che la Provincia di Belluno non ha accolto nessuna delle proposte (in particolare quelle sulla caccia di selezione) rivolte dalle Associazioni; proposte oltretutto motivate anche dall’esperienza delle persone che abitualmente frequentano i boschi non per cacciare, e che percepiscono un senso di insicurezza sapendo che è concesso lo sparo con armi di gittata di alcuni chilometri in orario serale.

 

(Articolo pubblicato con questo titolo il 30 agosto 2018 sul sito del Gruppo d’Intervento Giuridico)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas