I lunedì di Pollice – 10 settembre 2018: 42° puntata

 

Le ultine tornate elettorali in vari paesi europei ci dicono che sono in forte crescita delle forze politiche e culturali accomunate dalla paura dello straniero e che si rifanno ad ideologie delle destra radicale.

Le Monde ci ricorda che «l’estrema destra in Europa ha molti volti: sovranista, populista, euroscettica o eurofobica, a volte apertamente razzista e xenofoba».

Sovranismo e populismo sono l’altra faccia della democrazia liberale.  

C’è un nesso tra crisi delle forme della rappresentanza politica con l’avvento preponderante dei social network? 

Allora Internet non vuole che si voti.

I nuovi media stanno liberando l’era dell’incompetenza e dei rischi per la democrazia ?

Quel che ci preoccupa sono le prospettive culturali e il futuro dell’impianto costituzionale, democratico e pluralista del nostro paese e di riflesso dell’Europa.

Per noi la passione politica è il sale della democrazia e, assieme ad Antonio Gramsci, possiamo legittimamente ripetere «odio gli indifferenti. (…) Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano», ma ciò non toglie che senza una visione d’insieme non si può neppure consapevolmente prendere parte.

Noi invece, abbiamo paura anche degli incompetenti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas