Così la dieta diventa sostenibile: mangiare meno carne per avere più acqua

 

PASSARE a una dieta sana non è solo un bene per la nostra salute.

Ma sarebbe anche una scelta sensata per il benessere del nostro pianeta, e in particolare per quanto riguarda il consumo di acqua dolce.

A sostenerlo sulle pagine di Nature Sustainability è ora uno studio del team di ricercatori del Joint Research Centre, il servizio scientifico interno della Commissione europea, secondo cui se scegliessimo di seguire una dieta prevalentemente vegetariana e basata sul pesce riusciremmo a ridurre significativamente il consumo di questo bene prezioso.

O meglio, contenere nel modo migliore l’impronta idrica della nostra alimentazione.

L’impronta idrica, ovvero il volume totale di acqua dolce per produrre un bene (che in questo caso è il cibo), è considerata un indicatore estremamente prezioso per capire la grande quantità di risorse idriche che consuma una popolazione.

È noto che la produzione di cibo può consumare grandi quantità di acqua, ma fino a oggi non era stato sottoposto a un esame dettagliato quanto vari la quantità d’acqua che noi “mangiamo” a seconda della cultura e della geografia di una zona, e soprattutto del tipo di dieta che si segue.

Per il nuovo studio, quindi, i ricercatori hanno tenuto conto sia dei fattori socio-economici, come età, sesso, istruzione e reddito, e utilizzato i dati disponibili sul consumo alimentare, sia per le diete seguite realmente che raccomandate (quelle “sane” consigliate dalle linee guida), provenienti da circa 44 mila aree in Francia, Regno Unito e Germania.

Dalle nuove stime, i ricercatori hanno scoperto che rispetto alle diete attuali, l’acqua necessaria per produrre il nostro cibo potrebbe essere ridotta tra l’11% e il 35% per le diete contenenti poca carne, tra il 33% e il 55% per le diete a base di pesce e tra il 35% e il 55% per le diete vegetariane. 
I ricercatori hanno potuto così concludere che le diete vegetariane e basate sul pesce potrebbero ridurre fino alla metà l’impronta idrica di una società.

Il tutto, secondo i ricercatori, attraverso la diminuzione degli allevamenti di carne, che richiedono invece una elevata quantità di acqua.

I prodotti animali, e in particolare la carne, hanno un’impronta idrica elevata”, si legge nello studio.

Mentre una dieta salutare contiene meno zucchero, carne, grassi animali e più frutta e verdura, la dieta europea è caratterizzata da un consumo eccessivo di prodotti di origine animale.

Ed è proprio a causa dei numerosi effetti negativi delle crescenti richieste di prodotti animali, e di una conseguente produzione intensiva di bestiame, che è necessario il passaggio a una dieta più sana, ricca di risorse più sostenibili”.

 
 
(Articolo di Marta Musso, pubblicato con questo titolo il 21 settembre 2018 sul sito online  del quotidiano “la Repubblica”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas