Diciannove

 

Avrete notato che ieri, 26 settembre 2018, le Nazioni Unite hanno celebrato la “Giornata internazionale per la totale eliminazione delle armi nucleari”.

La data è stata scelta per ricordare che nella stessa data, nel 1983 (eravamo in piena guerra fredda), il tenente colonnello sovietico Stanislav Petrov (1939-2017) ricevette un allarme secondo cui sarebbe stato in corso un attacco americano con missili nucleari contro l’Unione Sovietica.

Petrov avrebbe dovuto trasmettere l’ordine di far partire, per rappresaglia, i missili nucleari sovietici contro gli Stati Uniti.

Petrov, conscio della gravità di quello che stava per fare, ebbe il coraggio di dubitare che si trattasse di un falso allarme e ritardò l’invio dell’ordine; dopo pochi minuti ricevette la notizia che l’allarme era stato inviato per errore e quel coraggioso ritardo salvò l’umanità da una catastrofe nucleare.

Questa storia è stata ricordata in due film: “The red button” (2011) e “The man who saved the world” (2014).

Il ricordo dell’”uomo che ha salvato il mondo” serve a dire quanto la sola esistenza delle armi nucleari, che possono essere scatenate anche solo per errore, sia pericolosa e a confermare la necessità che entri in vigore il “Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari” (TPAN).

Tale Trattato, che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari, entrerà in vigore quando sarà stato ratificato da almeno 50 paesi ma finora è stato ratificato soltanto da 19 paesi membri delle Nazioni Unite.

Li elenco qui sotto:

Santa Sede

Austria

Costa Rica

Cuba

Gambia

Guyana

Isole Cook

Messico

Nicaragua

Nuova Zelanda

Palau

Palestina

Samoa,

San Marino

Tailandia

Uruguay

Vanuatu

Venezuela

Vietnam

Quasi totale silenzio in Italia, se si eccettuano il quotidiano il manifesto, i movimenti antinucleari e pacifisti, alcuni comuni che hanno approvato delle mozioni a favore del disarmo nucleare, qualche sparsa notizia.

Tace il Parlamento, l’istituzione che dovrebbe sollecitare il governo a firmare il Trattato e a proporne la ratifica al Presidente della Repubblica.

 

(Riceviamo da Giorgio Nebbia e volentieri pubblichiamo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas