Piano lupo, Coldiretti: passo avanti ma salviamo pecore, capre e mucche

 

Il giudizio del Wwf sul Piano Lupo presentato ieri dal ministro dell’ambiente Costa è positivo: «Con l’esclusione degli abbattimenti, finalmente sembra sia stato fatto un importante passo verso un Piano di conservazione che crea le condizioni per una migliore convivenza con l’animale simbolo della Natura d’Italia: il lupo.

Un piano in grado di fare la differenza, quello per cui ci siamo battuti fino ad oggi, deve promuovere la ricerca e il monitoraggio, combattere il bracconaggio, individuare sostenere le azioni di prevenzione dei danni, che sono la migliore risposta ai conflitti».

Per Coldiretti il Piano Lupo «rappresenta un passo in avanti per cercare di ripristinare una situazione di equilibrio» e aggiunge una raccomandazione: «Salviamo le migliaia di pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e asinelli uccisi lungo tutta la Penisola dove la presenza si è moltiplicata negli ultimi anni con stragi negli allevamenti».

Secondo la più grande organizzazione agricola italiana, «serve la stessa responsabilità nella difesa degli allevamenti e dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare le montagne e a garantire la bellezza del paesaggio.

Non si possono lasciar morire pecore e vitelli e costringere alla fuga migliaia di famiglie che da generazioni popolano le montagne, ma anche i tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle storiche razze italiane.

La presenza di branchi di lupi sta scoraggiando in molte aree l’attività di allevamento mettendo a rischio anche il tradizionale trasferimento degli animali in alpeggio che, oltre ad essere una risorsa fondamentale per l’economia montana, rappresenta anche un modo per valorizzare il territorio e le tradizioni culturali che lo caratterizzano.

Senza i pascoli le montagne muoiono, l’ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città.

Ci aspettiamo un impegno concreto per tutelare un bene comune con un sostegno pubblico a sistemi di difesa appropriati e un rapido ed adeguato rimborso dei danni, senza se e senza ma».

Il Wwf legge l’intera vicenda in un modo diverso: «Il lupo in Italia è il protagonista di una storia di successo.

Quasi eradicato da pratiche e leggi che lo consideravano nocivo era sopravvissuto negli anni ‘70 con meno di 100 individui.

Grazie alla sua intelligenza e all’azione illuminata del Wwf e della società civile, il lupo ha avuto un lento recupero, tornando a vivere in territori da cui era scomparso.

Il ritorno del lupo è stata la pietra miliare di un recupero della naturalità delle nostre campagne e dei nostri boschi, un cruciale tassello per gli equilibri ecologici dei territori. 

Negli ultimi anni il Wwf – insieme alle altre associazioni ambientaliste che hanno aderito alla campagna #soslupo – si è impegnato moltissimo per difendere il lupo, a cominciare dalla mobilitazione nei confronti della precedente proposta di piano di conservazione che prevedeva la possibilità degli abbattimenti.

Consentire di “sparare” al lupo avrebbe rappresentato un drammatico e crudele arretramento nelle conquiste ecologiche e culturali, che riconoscono al lupo in importante ruolo negli ecosistemi e nella nostra vita».

Gli ambientalisti concludono: «Oggi la lungimiranza delle battaglie che negli anni ‘70 ha garantito la sopravvivenza a questo straordinario animale, deve essere accompagnate da un’intelligente gestione della convivenza.

La presenza e la diffusione del lupo, infatti, possono essere messi a rischio dalla mancanza di visione d’insieme, dalla poca attenzione nei riguardi del suo impatto sulle attività produttive (servono, quindi, adeguate compensazioni dei danni) e soprattutto dalla disinformazione e dalla scarsa conoscenza di quelle che sono le corrette misure di prevenzione dei danni.

Il fatto che le dichiarazioni del ministro Costa sul nuovo Piano lupo vadano in questa direzione, escludendo gli abbattimenti, fa ben sperare per il futuro dell’animale simbolo della natura d’Italia».

 

(Articolo pubblicato con questo titolo il 3 aprile 2019 sul sito online “greenreport.it”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas