Clima, gli scienziati stanno con i giovani di Greta

 

I giovani del mondo hanno iniziato a dimostrare insistentemente per la protezione del clima e di altre basi del benessere umano. (1 , 2). 

Come scienziati e studiosi che recentemente si sono recentemente fatti promotori di lettere di sostegno simili nei nostri Paesi, chiediamo ai nostri colleghi di tutte le discipline e di tutto il mondo di sostenere questi giovani manifestanti per il clima (3). 

Dichiariamo: le loro preoccupazioni sono giustificate e supportate dalla migliore scienza disponibile. 

Le attuali misure per proteggere il clima e la biosfera sono profondamente inadeguate.

Quasi tutti i Paesi hanno firmato e ratificato l’Accordo di Parigi del 2015, impegnandosi in base al diritto internazionale a mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2° C sopra i livelli preindustriali e a proseguire gli sforzi per limitare l’aumento della  temperatura a 1,5° C (4). 

La comunità scientifica ha chiaramente concluso che un riscaldamento globale di 2° C anziché di 1,5° C aumenterebbe in modo sostanziale gli impatti climatici e il rischio di alcuni di diventare irreversibili (5). 

Inoltre, data la distribuzione disomogenea della maggior parte degli impatti, i 2° C di riscaldamento aggraverebbero ulteriormente le disuguaglianze globali esistenti (5).

E’ fondamentale iniziare immediatamente una rapida riduzione delle emissioni di CO2 e di altre emissioni di gas serra. 

Il grado di crisi climatica che l’umanità sperimenterà in futuro sarà determinato dalle nostre emissioni cumulative; una rapida riduzione ora limiterà il danno. 

Ad esempio, l’Intergovernmental panel on climate change (IPCC) ha recentemente valutato che dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030 (relativamente ai livelli del 2010) e raggiungere globalmente le emissioni net-zero  di CO2 entro il 2050 (così come forti riduzioni in altri gas serra) consentirebbe una probabilità del 50% di rimanere al di sotto di 1,5° C di riscaldamento (5). 

Considerando che i Paesi industrializzati hanno prodotto di più e hanno beneficiato maggiormente delle emissioni precedenti, hanno una responsabilità etica nel raggiungere questa transizione più rapidamente rispetto al resto del mondo (46).

Esistono già molte soluzioni sociali, tecnologiche e basate sulla natura. 

I giovani manifestanti chiedono giustamente che queste soluzioni siano utilizzate per arrivare a una società sostenibile (7). 

Senza azioni audaci e mirate, il loro futuro è in pericolo critico. 

Non c’è tempo per aspettare fino a quando non saranno al potere.

I politici hanno l’enorme responsabilità di creare in modo tempestivo il quadro di condizioni necessarie. 

Sono necessarie politiche per avere un’azione climate-friendly e sostenibile, semplice ed economica e rendere l’azione dannosa per il clima non attraente e costosa. 

Gli esempi includono prezzi e regolamenti per la CO2 efficaci; cessazione dei sussidi per le azioni e i prodotti dannosi per il clima; standard di efficienza; innovazioni sociali; e investimenti massicci e diretti in soluzioni quali l’energia rinnovabile, l’elettrificazione cross-sector, le infrastrutture di trasporto pubblico e la riduzione della domanda. 

Una distribuzione socialmente equa dei costi e dei benefici dell’azione climatica richiederà un’attenzione deliberata, ma che sia possibile è essenziale (8).

L’enorme mobilitazione di base (2) del movimento giovanile per il clima – tra cui Fridays for Future, School (or Youth) Strike 4 Climate, Youth for (or 4) Climate, and Youth Climate Strike (7) – dimostra che i giovani capiscono la situazione.

Approviamo e supportiamo la loro richiesta di un’azione rapida e forte. 

Tenendo conto della nostra responsabilità sociale, etica e accademica dichiariamo senza mezzi termini: solo se l’umanità agisce in modo rapido e risoluto possiamo limitare il riscaldamento globale, fermare la continua estinzione di massa di specie animali e vegetali e preservare la base naturale per l’approvvigionamento alimentare e il benessere delle generazioni presenti e future. 

Questo è ciò che i giovani vogliono ottenere. 

Meritano il nostro rispetto e il nostro pieno sostegno.

  1. Gregor Hagedorn1
  2. Peter Kalmus2,*
  3. Michael Mann3
  4. Sara Vicca4
  5. Joke Van den Berge4
  6. Jean-Pascal van Ypersele5
  7. Dominique Bourg6
  8. Jan Rotmans7
  9. Roope Kaaronen8
  10. Stefan Rahmstorf9
  11. Helga Kromp-Kolb10
  12. Gottfried Kirchengast11
  13. Reto Knutti12
  14. Sonia I. Seneviratne12
  15. Philippe Thalmann13
  16. Raven Cretney14
  17. Alison Green15
  18. Kevin Anderson16,17
  19. Martin Hedberg18
  20. Douglas Nilsson19
  21. Amita Kuttner20
  22. Katharine Hayhoe21
  23. 1Berlin, Germany. 2.     2Joint Institute for Regional Earth System Science & Engineering, University of California, Los Angeles, Los Angeles, CA 90095, USA. 3.     3Earth System Science Center, Penn State University, University Park, PA 16802, USA. 4.     4Universiteit Antwerpen, Wilrijk, Antwerp, Belgium. 5.     5Université catholique de Louvain, 1348 Louvain-la-Neuve, Belgium. 6.     6Université de Lausanne, Lausanne, Switzerland. 7.     7Erasmus University, Rotterdam, 3000 DR Rotterdam, Netherlands. 8.     8Helsinki Institute of Sustainability Science, Faculty of Social Sciences, University of Helsinki, 00014 Helsinki, Finland. 9.     9Potsdam Institute for Climate Impact Research, 14473 Potsdam, Germany. 10.  10Center for Global Change and Sustainability, University of Natural Resources and Life Sciences, 1180 Vienna, Austria. 11.  11Wegener Center for Climate and Global Change, University of Graz, 8010 Graz, Austria. 12.  12Institute for Atmospheric and Climate Science, ETH Zürich, 8092 Zürich, Switzerland. 13.  13École Polytechnique Fédérale de Lausanne, 1015 Lausanne, Switzerland. 14.  14Department of Political Science and Public Policy, University of Waikato, Hamilton, Waikato, New Zealand. 15.  15Scientists Warning UK, Cambridge, UK. 16.  16The University of Manchester, UK. 17.  17Uppsala University, Uppsala, Sweden. 18.  18Polyfuture Institute SWC, Stockholm, Sweden. 19.  19Department of Environmental Science and Analytical Chemistry, Stockholm University, 106 91 Stockholm, Sweden. 20.  20University of California, Santa Cruz, Santa Cruz, CA 95064, USA. 21.  21Climate Center, Texas Tech University, Lubbock, TX 79409, USA.
  24. *Corresponding author. Email: kalmus@ucla.edu

Hide authors and affiliations

 

 

References and Notes

  1. Warren

, Nature 567, 291 (2019).

Google Scholar

“Pictures from youth climate strikes around the world,” The New York Times (2019);www.nytimes.com/2019/03/15/climate/climate-school-strikes.html.

Google Scholar

  1. Please show support by signing the open letter at scientistsforfuture.org/international/.

United Nations Framework Convention on Climate Change, “Decision 1/CP.21: Adoption of the Paris Agreement,” (Paris, France, 2015);https://unfccc.int/files/essential_background/convention/application/pdf/english_paris_agreement.pdf.

Google Scholar

IPCC, “Summary for policymakers: Global warming of 1.5 °C—An IPCC Special Report on the impacts of global warming of 1.5 °C above pre-industrial levels and related global greenhouse gas emission pathways, in the context of strengthening the global response to the threat of climate change, sustainable development, and efforts to eradicate poverty,” V. Masson-Delmotte et al., Eds. (IPCC, World Meteorological Organization, United Nations Environment Programme, Geneva, Switzerland, 2018); www.ipcc.ch/report/sr15.

Google Scholar

  1. Kolstad et al

., in Climate Change 2014: Mitigation of Climate Change: Contribution of Working Group III to the Fifth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, O. Edenhofer et al., Eds. (Cambridge Univ. Press, Cambridge, UK, 2014).

Google Scholar

Fridays for Future (www.fridaysforfuture.org).

Google Scholar

IPCC, Climate Change 2014: Synthesis Report: Contribution of Working Groups I, II and III to the Fifth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change, Core Writing Team, R. K. Pachauri, L. A. Meyer, Eds. (IPCC, Geneva, Switzerland, 2014).

Google Scholar

 

(Comunicato  pubblicato con questo titolo il 12 aprile 2019 sul sito online “greenreport.it”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas