La pandemia da coronavirus sta colpendo il cuore dell’Amazzonia, soprattutto in Brasile

 

L’epidemia di coronavirus avanza in tutta l’Amazzonia con tassi di crescita esponenziali: il dato rilevato il 12 aprile dalla Red Eclesiastica Panamazonica parla di 2443 contagi e 115 decessi ufficiali.

Solo una settimana prima erano  1550 e 49.

L’aumento  è, rispettivamente,  del   55%   e   del  135%.

È il Brasile il paese più colpito,  fra i 9 stati sudamericani che ospitano la grande foresta pluviale e la sua gente: 1072 i contagi, 54 i decessi.

In una settimana le persone raggiunte dal virus sono quadruplicate.

Quelle che hanno perso la vita aumentate di dieci volte.

Alla luce di questi numeri, cresce l’allarme e la paura fra i popoli indigeni: i più vulnerabili di fronte al contagio, perché discriminati nell’accesso ai beni e ai servizi e lontani dai centri di cura.

Spesso anche indifesi di fronte alla malattia, in particolare quelli fra loro che sono entrati in contatto  recentemente con il mondo esterno, e quelli che hanno scelto di vivere in isolamento per conservare l’integrità della propria cultura e delle proprie terre.

E sono privi per questo di ogni protezione immunologica contro i virus esterni.

Per tutte le comunità amazzoniche, ma per loro soprattutto, chiudere i territori e controllare l’accesso di ogni persona estranea è questione di vita o di morte.

La chiusura dei territori, affermano, è  una regola che deve valere per tutti, anche per i coloni, i turisti, i missionari.

Ma la minaccia più grave viene soprattutto dalle  attività legali e illegali di estrazione di legname, oro, petrolio.

Una minaccia che le misure di contenimento  adottate dai governi non hanno finora arrestato,  per debolezza e incoerenza ma soprattutto per assenza di volontà.

«Fino a questo momento, sono state le stesse organizzazioni indigene che hanno adottato misure preventive, e cercato appoggio per impedire l’entrata di attori esterni ai propri territori».

La denuncia è di “Acciòn Urgente”, un appello che le tre grandi confederazioni indigene dell’Ecuador hanno lanciato il 26 marzo scorso, e che punta il dito  anche sull’assenza di una strategia  di comunicazione e informazione culturalmente adeguata  per prevenire la diffusione del virus,  e sulla minaccia  rappresentata dalla militarizzazione dei territori con il pretesto di fermare il contagio.

Acciòn Urgente  è un vero e proprio manifesto che indica la strada da seguire per garantire il diritto alla salute e alla vita delle comunità indigene, nel rispetto della loro integrità culturale e ambientale.

Una strada dove sono segnalati con chiarezza le pietre miliari che dovrebbero orientare il cammino: oltre alla risposta puntuale alle carenze e minacce segnalate più sopra, il  riconoscimento ufficiale dello status di particolare vulnerabilità delle comunità indigene alla pandemia di Covid-19; l’inclusione dei popoli indigeni nei piani di emergenza per fronteggiare la pandemia, compresa la distribuzione alle unità sanitarie locali di prodotti per la protezione del personale,  l’igiene individuale, e farmaci;  la creazione immediata di tavoli tecnici e di coordinamento, dal livello nazionale a quello locale, con una adeguata rappresentanza delle popolazioni indigene, per gestire al meglio e con cognizione di causa l’emergenza e garantire  alle comunità assistenza sanitaria e sicurezza alimentare.

Azione urgente: perché non c’è davvero tempo da perdere, i numeri sulla crescita dell’epidemia non lasciano dubbi in proposito.

È ormai arrivata anche la notizia della prima persona a morire di coronavirus fra gli Yanomani, la nazione del grande sciamano Dave Kopenawa, fra le più combattive nel difendere la propria cultura e la propria terra, nel custodire la propria casa e il cuore verde del nostro pianeta.

La notizia che non avremmo mai voluto ricevere: un ragazzo di 15 anni che ha contratto il virus in un’area dove i cercatori d’oro continuano indisturbati le loro attività illegali, e che se ne è andato per una crisi respiratoria acuta che nessuno ha potuto curare.

di Cospe per greenreport.it

(Articolo pubblicato con questo titolo il 14 aprile 2020 sul sito online “greenreport.it”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas