Collegare le aree protette con infrastrutture verdi rafforzerebbe gli ecosistemi europei

 

Secondo il briefing “Building a Trans-European Nature Network” dell’ European environment agency (Eea), «le autostrade e altre infrastrutture disconnettono attualmente circa il 15% dei siti Natura 2000 dalle  altre aree naturali, riducendo la loro capacità di fornire servizi ecosistemici».

Il briefing dell’Eea si basa sul rapporto tecnico  “Contributions to building a coherent Trans-European Nature Network”, sviluppato anche dal suo European Topic Centre on Urban, Land and Soil Systems, un lavoro che contribuisce a individuare gli approcci per estendere la rete di aree protette per raggiungere l’obiettivo del 30% della strategia dell’Ue sulla biodiversità per il 2030, che richiede investimenti in infrastrutture verdi e blu e cooperazione transfrontaliera per creare corridoi ecologici.

Il nuovo documento analizza il potenziale dell’utilizzo di infrastrutture verdi per collegare i siti Natura 2000 protetti con altri territori naturali e semi-naturali e l’Eea spiega che «le reti di infrastrutture verdi sono costituite da strutture verdi naturali e artificiali, come foreste, parchi, cavalcavia per la fauna selvatica o siepi, e sono progettate per fornire una vasta gamma di servizi ecosistemici, tra cui la purificazione dell’acqua e dell’aria, lo spazio per la ricreazione e la mitigazione e l’adattamento climatici».

Secondo il briefing, «circa l’80% degli attuali siti Natura 2000 sono già collegati attraverso aree naturali o semi-naturali. 

Circa il 15% dei siti Natura 2000 disconnessi sono distanti meno di 1 chilometro ma intersecati, ad esempio, da autostrade, terreni agricoli o aree urbane che limitano il movimento delle specie e la capacità dell’area di offrire servizi ecosistemici.

Il collegamento di siti naturali con infrastrutture verdi potrebbe potenziare i servizi ecosistemici di circa il 10% all’interno della rete protetta e nelle aree circostanti».

L’area degli ecosistemi che nel 2012 fornivano molteplici servizi multipli alle persone nei 27 Stati membri dell’UE era circa il 4% più grande all’interno che all’esterno della rete green infrastructure (GI). L’area degli ecosistemi che forniscono almeno un servizio ecosistemico era quasi il 6% più alta all’interno che all’esterno della rete GI.

Il mantenimento di uno stato di conservazione favorevole per le specie di interesse comunitario è molto elevato all’interno e all’esterno della rete GI. 

«Tuttavia – dice l’Eea – negli Stati membri dell’Ue, il livello di pressione sull’ecosistema al di fuori della rete GI è più elevato che al suo interno. Per dare la priorità alle GI, circa l’80% delle regioni confinanti con le GI potrebbe essere collegato alla rete con interventi gestionali minimi o molto limitati. ».

(Articolo pubblicato con questo titolo il 6 luglio 2020 sul sito online “greenreport.it”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas