DL Semplificazioni: le osservazioni e gli emendamenti di associazioni e Coordinamento FREE

 

In questi giorni è in discussione al Senato il DL semplificazioni con il quale si vorrebbe far uscire da un “blocco” che ostacola la capacità del sistema Paese di mettere in campo quelle azioni giudicate indispensabili per rilanciare economia e lavoro.

Kyoto Club «condivide questa esigenza, ma esprime un giudizio non positivo sul testo proposto dal Governo e auspica che il passaggio parlamentare possa significativamente migliorarlo.

Il giudizio non è positivo innanzitutto per quello che non c’è, e che invece avrebbe dovuto essere, ovvero l’intervento essenziale: la riduzione del numero esorbitante di stazioni appaltanti che è il principale motivo delle lentezze che si vogliono combattere».

Inoltre, secondo Kyoto Club, «sembra che il Governo, piuttosto che lavorare con il cacciavite per razionalizzare e rendere più spedite le procedure ordinarie, abbia scelto la strada della “straordinarietà”, una strada già battuta in passato e che non ha mai portato risultati positivi e che anzi è foriera di molti rischi».

Rischi evidenziati dalle osservazioni delle associazioni ambientaliste  (Wwf, Legambiente, Greenpeace, INU, Federazione Nazionale Pro Natura e Touring Club Italia) che Kyoto Club ha sottoscritto e che si augura «trovino riscontro nelle modifiche che il Parlamento vorrà apportare al provvedimento».

«Infine – si legge in un comunicato di Kyoto Club – ci pare gravissimo che sul tema delle rinnovabili e dell’efficienza energetica ci sia davvero troppo poco, e la commissione via speciale per i progetti indispensabili per il raggiungimento degli obiettivi Pniec non riteniamo sia sufficiente e che possa svolgere efficacemente il ruolo assegnatole senza intervenire con radicalità sulle procedure autorizzative».

Per questo il Coordinamento FREE  ha predisposto una serie di emendamenti  “per una ripartenza del Paese all’insegna della transizione energetica – aggiornamento sulle disposizioni del Decreto-Legge 16 luglio 2020 n. 76 – DL Semplificazioni” che sono stati inviati ai Parlamentari «in modo da ovviare a questa grave carenza che se non fosse sanata renderebbe questo provvedimento un’ennesima occasione mancata».

(Articolo pubblicato con  questo titolo il 31 luglio 2020 sul sito online “greenreport.it”)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas