Tra delibere sbagliate e dichiarazioni dei proprietari dell’Alimuri gli scenari proposti da sindaco e assessori sembrano un tantino traballanti ma soprattutto somigliano sempre più a un mega affare

Su questo stesso sito il 12 settembre 2014 è stato pubblicato un articolo dal titolo “Alimuri: come fare un affare con i soldi pubblici e pagato da tutti i cittadini”, che riportava fra l’altro la posizione al riguardo di Franco Cuomo, responsabile del Circolo Territoriale di VAS “Giovanni Esposito” di Vico Equense. (http://vasonlus.it/?p=7009)

Ad esso il 13 novembre 2014 ha fatto seguito un ulteriore articolo di Franco Cuomo dal titolo “Questo è l’ambientalismo spettacolo del sindaco Gennaro Cinque e dell’assessore Antonio Elefante”. (http://vasonlus.it/?p=8866)

Riceviamo ora e volentieri pubblichiamo quanto scrive ancora sull’argomento Franco Cuomo.

 Immagine.Franco Cuomo

 Finalmente si esegue la demolizione.  

Era il punto centrale dell’accordo sottoscritto.  

Gravi sono i ritardi accumulati dal Ministero dell’Ambiente responsabile della demolizione e del reperimento delle risorse necessarie.  

Auguriamo che non si ripetano gli stessi errori di tempo nel consolidamento del costone roccioso prodomico alla definitiva riqualificazione dell’area, come da noi auspicata.  

Infine ribadiamo, per dovere di una corretta informazione, la legittimità dei titoli e dell’accordo come da ultimo consacrato dal Presidente della Repubblica, con un decreto previo parere del Consiglio di Stato.  

Il 30 Novembre saremo presenti alla demolizione.  

La Società SICA.

 Immagine.Ecomostro Alimuri.1

Allora assessore Elefante, assessore Migliaccio, sindaco a festa Gennaro Cinque, come la mettiamo con questa comunicazione della SICA che sembra essere felicissima della demolizione tanto da essere presenti alla demolizione.  

Non aspettavano altro che questo e voi glielo state offrendo tra cotilllons e suoni e fanfare con scolaresche a carico che guarderanno l’esplosione.  

Loro fanno riferimento ad un ricorso che noi VAS facemmo al Presidente della Repubblica – non certo per i motivi addotti da Elefante.  

Oggi i proprietari con fare anche abbastanza borioso sostengono che quell’accordo e quel decreto sono ancora validi e plaudono alla vostra iniziativa cosa chiederanno in cambio?  

Si costruirà forse nella piana di Seiano?   

Oppure chiederanno un mega risarcimento sempre a carico della comunità di Vico Equense?  

E la delibera di giunta del 7 marzo nella quale si prevedeva il complesso balneare?  

Ma non era una zona ad alto rischio idrogeologico? 

Non ve ne eravate accorti a marzo scorso?  

Che cosa è successo in questi sette mesi?  

Questa della delibera ve lo devo proprio dire è stata una figuraccia barbina, io mi sarei nascosto davanti ai giornalisti, ma si sa voi volate alto e non ve ne accorgete.  

La verità sapete qual è sindaco a festa vestito, assessore Elefante e assessore Migliaccio?  

Questo è il finale di una classica farsa all’italiana: tra atti e ricorsi giudiziari alla fine eravamo tutti d’accordo e ci volevamo tutti bene e il “lieto fine” c’è per tutti.  

Mi viene spontaneo chiedere all’ing. Elefante, che è stato così veemente e così agguerrito contro certi ambientalisti che fanno politica, dopo aver letto la sua “brillante” relazione storica sull’ Ecomostro di Alimuri, e dopo aver visto i suoi monologhi videoregistrati senza che uno straccio di contraddittorio fosse stato organizzato, chi sarebbero i “veri idioti” a cui faceva riferimento.  

Ora ce lo può dire: forse si riferiva ai cittadini di Vico che si sono sobbarcati di un debito di circa 530mila euro per l’abbattimento dell’Ecomostro di Alimuri, a favore di un operazione immobiliare privata.  

E comunque quell’esoscheletro sta ancora lì, nel frattempo ieri c’è stato uno smottamento un po’ più su tanto da fare chiudere la statale sorrentina e in giro “i soliti informati” che però non parlano mai nei posti giusti sostengono che qualche albergatore più su dell’esoscheletro potrebbe bloccare tutta l’operazione. 

I VAS QUELLA STRUTTURA LA VOGLIONO DEMOLIRE, MA I VAS VOGLIONO NEL CONTEMPO DENUNCIARE ANCHE LE OPERAZIONI SPECULATIVE CHE SEMBRANO VENIR FUORI E I RISCHI DI NUOVE E PIU’ INQUIETANTI AGGRESSIONI AL TERRITORIO CHE NON SEMBRANO  PER NULLA SVANITE.

 

Franco Cuomo, VAS Circolo “Giovanni Esposito” , Vico Equense

 

Vico Equense, 16.11.2014

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas