Da Gaza alla Nato: costruire la pace, il disarmo, la giustizia

Articolo pubblicato il 23 luglio 2014 sul sito greenreport.it (http://www.greenreport.it/news/gaza-nato-costruire-pace-disarmo-giustizia/)

Immagine.Rete della Pace

La Rete della Pace, composta da una miriade di associazioni grandi e piccole, ha presentato a Roma le sue idee per il rilancio del movimento per la pace italiano, cominciando col «mantenere alta la soglia di attenzione sui drammi che vivono i popoli a noi vicini e costruire una politica di pace e di soluzioni nonviolente alle guerre». 

Nel mezzo di una crisi sanguinosa che dalla guerra a Gaza passa per quelle in Iraq e Siria, per la ripresa della guerra civile in Sud Sudan e per la crisi tribale/religiosa in Libia, con  i profughi che muoiono nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, la Rete della Pace lancia un ambizioso programma sul piano culturale e politico, «non per addetti ai lavori bensì in una dimensione popolare, che entra nel comune sentire della gente».

Secondo Sergio Bassoli, responsabile politiche globali della CGIL e componente della segreteria della Rete della Pace, accanto a questo programma, che prevede fra l’altro l’apertura di un dibattito per riscrivere la costituzione europea e il superamento della Nato a favore di una politica di difesa veramente multilaterale sotto l’egida dell’Onu e per l’istituzione di un Servizio Civile Europeo, «sentiamo la pressione dell’attualità, degli eventi bellici del Sud Est dell’Ucraina e della Striscia di Gaza». 

La Rete della Pace chiede un immediato cessate il fuoco nella Striscia di Gaza, condannando «sia le operazioni militari di Israele a Gaza che stanno mietendo un alto numero di vittime civili, fra cui molti bambini, che i lanci di missili su Israele», e, come ha detto Luisa Morgantini dell’Associazione Pace Palestina, «chiede al governo la sospensione della cooperazione militare e la vendita di armi nella regione mediorientale con le parti in guerra».

La Rete della Pace dice che è necessario mettere fine dell’occupazione militare della Palestina ed alla colonizzazione dei territori da parte di Israele. 

Immagine.Costruire la pace

Gianni Bottalico, presidente delle ACLI, ha detto: «come atto concreto per rendere più pressante la fine delle ostilità e il ritorno alle trattative per la pace chiediamo al governo italiano l’immediato riconoscimento dello Stato Palestinese», quella che Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci, ha ricordato essere «La prospettiva dei “due Popoli e due Stati”». 

La Piattaforma presentata a Roma sarà oggetto di iniziative, incontri ed assemblee in tutta Italia, unendo sforzi ed esperienze con le altre reti, come è stato fatto a Verona il 25 aprile per l’Arena di Pace, restituendo continuità e protagonismo al movimento per la pace e non violento italiano. 

Saranno i risultati di queste mobilitazioni e proposte a caratterizzare la partecipazione della Rete della Pace ai prossimi appuntamenti, a partire dalla Marcia per la Pace Perugia Assisi. 

Intanto la tragedia umanitaria di Gaza sta spingendo a muoversi anche le istituzioni. 

In una lettera indirizzata a tutti i Presidenti delle Regioni e della Province autonome, Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria che coordina la Commissione Speciale “attività di Cooperazione e iniziative per il Dialogo e la pace in Medio Oriente” della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, scrive che «di fronte ai drammatici avvenimenti di Gaza di questi giorni e alla escalation di combattimenti che già ha fatto registrare un numero inammissibile di morti e una terribile condizione delle popolazioni civili che si trovano intrappolate nella “Striscia”, sentiamo la necessità e l’urgenza di rivolgere a tutte le Regioni d’Italia la richiesta di una mobilitazione straordinaria in soccorso delle popolazioni e per reclamare un “cessate il fuoco” immediato». 

La Presidente dell’Umbria, che su questi temi si è già confrontata con il Presidente della Toscana, Enrico Rossi, propone un’ipotesi di lavoro basata su due punti. 

Prima di tutto, l’adesione ad un comune appello in cui si sottolinea l’impossibilità a «restare insensibili di fronte alla tragedia di Gaza»  e la necessità di interpretare la «rivolta morale dei nostri cittadini per il numero inaudito di morti, tra cui soprattutto civili e bambini, prodotto dai combattimenti in atto nella “Striscia”. La sicurezza di Israele e delle popolazioni palestinesi va garantita col cessate il fuoco immediato da ogni parte. »

Nell’appello si chiede la costruzione immediata di «un corridoio umanitario che permetta l’afflusso urgente di soccorsi e risorse primarie per le popolazioni civili di Gaza. Il tutto prima che si inneschi in Palestina e poi nel più vasto Medio Oriente una ulteriore, incontrollabile spirale di odio». 

Il secondo punto proposto dalla Marini è quello di «un impegno immediato in un’azione di solidarietà concreta rivolta alle popolazioni civili. L’idea operativa proposta è quella di lavorare per la costituzione di un fondo nazionale speciale delle Regioni Italiane per il soccorso alle popolazioni civili di Gaza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas