La plastica invisibile nell’acqua che beviamo

 

Lo studio “Aggregation and stability of nanoscale plastics in aquatic environment” pubblicato su Water Research da Mehnaz Shams, Iftaykhairul Alam e Indrani Chowdhury del Department of civil & environmental engineering della Washington State University (WSU) ha scoperto che le nano-particelle delle materie plastiche più comunemente utilizzate «tendono a spostarsi attraverso l’approvvigionamento idrico, specialmente nell’acqua dolce, o a stabilirsi negli impianti di trattamento delle acque reflue da dove finiscono, come fanghi, in discarica e che spesso vengono usati come fertilizzante».

Secondo Chowdhury, «stiamo bevendo molta plastica.

Stiamo bevendo diversi grammi di plastica ogni mese o giù di lì. 

Il che è preoccupante perché non sappiamo cosa ci accadrà dopo 20 anni».

I ricercatori della WSU hanno studiato alle nano-plastiche che raggiungono l’ambiente acquatico e Chowdury ricorda che «si stima che ogni giorno circa otto trilioni di pezzi di microplastica passino attraverso gli impianti di trattamento delle acque reflue e finiscano nell’ambiente acquatico. 

Questi pezzetti di plastica possono provenire dal degrado di materie plastiche più grandi o dalle microsfere utilizzate nei prodotti per la cura della persona. 

Un recente studio ha dimostrato che oltre il 90% dell’acqua del rubinetto negli Stati Uniti contiene nano-materiali plastici che sono invisibili all’occhio umano».

Il nuovo studio ha analizzato dove finiscono le nanoparticelle di polietilene e polistirene, che vengono utilizzate in un numero enorme di prodotti, tra cui sacchetti di plastica, prodotti per la cura della persona, elettrodomestici da cucina, bicchieri usa e getta e materiale da imballaggio. 

I ricercatori hanno esaminato il comportamento delle minuscole particelle di plastica a contatto con varie sostanze, che vanno dall’acqua marina salata all’acqua contenente materiale organico.

Chowdury spiega: «Stiamo osservando tutto questo più a fondo. 

Perché diventano stabili e rimangono nell’acqua? 

Una volta che si trovano nei diversi tipi di acqua, cosa fa in modo che queste materie plastiche retino sospese nell’ambiente?»

I ricercatori hanno scoperto che mentre l’acidità dell’acqua ha uno scarso impatto su ciò che accade alla nano-plastica, il sale e la materia organica naturale sono importanti per determinare come si spostano e si depositano le materie plastiche.

E dicono che «quel che è chiaro è che minuscole materie plastiche rimangono nell’ambiente con conseguenze per la salute e l’ambiente sconosciute.

I nostri impianti per l’acqua potabile non sono sufficienti per rimuovere queste micro e nano plastiche.

Stiamo trovando queste materie plastiche nell’acqua potabile ma non sappiamo perché».

Ora, Chowdury e il suo team stanno studiando le tecniche per rimuovere la plastica dall’acqua e recentemente hanno ricevuto un finanziamento dallo State of Washington Water Research Center per portare avanti questa ricerca intanto, chiedono a tutti noi di «ridurre l’impatto delle materie nano-plastiche riducendo l’utilizzo di materie plastiche monouso.

Riutilizzate la plastica il più possibile».

(Articolo pubblicato con questo titolo il 17 marzo 2020 sul sito online “greenreport.it”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas