Primo Maggio Festa dei lavoratori

 

Immagine.1 maggio.1

Primo maggio 2015 giornata di festa  ma anche di lotta in difesa dei diritti  di tutti popoli del mondo. 

Mai come quest’anno la ricorrenza del 1° maggio assume un significato particolare. 

Il 1° maggio nasce dalla consapevolezza collettiva che, in difesa dei  diritti di chi lavora e non, sia necessario mantenere alta la guardia e continuare la lotta. 

È trascorso più di un secolo da quel lontano 20 luglio 1889 quando a Parigi, durante il Congresso della Seconda Internazionale, fu deciso  di stabilire il 1° maggio come giornata di lotta per l’emancipazione. 

Una scelta simbolica per ricordare il 1° maggio 1886 quando a Chicago una imponente manifestazione operaia fu repressa nel sangue. 

Nonostante l’incedere degli eventi, lo sviluppo della Società e del progresso, i problemi  del lavoro restano in gran parte immutati  e in gran parte irrisolti (licenziamenti, sfruttamento, schiavitù, salari da fame, discriminazione razziali e di genere, non solo sul piano salariale, restano all’ordine del giorno). 

Nel nostro Paese nel corso degli anni abbiamo assistito al progressivo restringimento dei diritti e al continuo attacco proprio a quella Costituzione che ha come riferimento la Repubblica fondata sul lavoro. 

Per questo non vogliamo solo festeggiare e ricordare il 1° maggio ma continuare a restare vigili e a lottare perché quei diritti così duramente conquistati con costi umani altissimi e indicibili siano difesi e protetti dagli attacchi quotidiani portati avanti dai governanti e dai loro  tradizionali alleati, padroni, di tutte le specie. 

 

Guido Pollice

Presidente Verdi Ambiente e Società

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas