«Contorta opera di interesse pubblico»

 

Il seguente articolo di Alberto Vitucci, pubblicato con questo titolo il 13 marzo 2015 su “La Nuova Venezia”, attesta che il presidente della Autorità Portuale di Venezia Paolo Costa ha una “interpretazione” tutta sua della gerarchia delle fonti del diritto amministrativo, perché ne capovolge i vertici, subordinando la normativa comunitaria alla legge italiana, la quale peraltro non prevede affatto che debba essere comunque non solo “prioritario” il progetto del canale Contorta, benché bocciato in sede di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), né che sia questo l’intervento che possa espressamente andare in deroga alla normativa comunitaria rispetto ad altri progetti alternativi, meno invasivi e sicuramente rispettosi di tutta la normativa vigente in materia.

 Immagine.Paolo Costa.0

Paolo Costa

«Il Contorta si può fare anche se avesse un’incidenza negativa sull’ambiente e sul sito di importanza comunitaria. Perché rappresenta un “intervento di interesse pubblico” che la legge prevede sia prioritario». 

È la tesi sostenuta dal presidente dell’Autorità portuale Paolo Costa nella lettera di accompagnamento alle risposte inviata ieri alla commissione Via. 

Costa ha scritto ai ministri dell’Ambiente Gianluca Galletti, delle Infrastrutture e Trasporti Lupi, oltre che al presidente della Regione Luca Zaia e al commissario Vittorio Zappalorto.

«La tutela della sicurezza della navigazione», scrive Costa, «perseguita come prioritaria dal governo con il decreto Clini-Passera può essere considerata come intervento di rilevante interesse pubblico, che la legge italiana contempla come deroga alla normativa comunitaria». 

In mancanza di alternative, insomma, il progetto si potrebbe fare comunque. 

Immagine.canale Controta

E le alternative sul tappeto, precisa Costa, non sono ricevibili per motivi «tecnici». 

Ancora, si tratta di dar corso a una direttiva del Comitatone – l’unico convocato a Roma senza il sindaco, sostituito dal commissario – che non prevede, dice Costa, di individuare «siti alternativi alla Marittima», ma «vie d’accesso alternative alla Marittima». 

Scartate dal Porto Marghera e il Lido non resterebbe che il Contorta.

Tesi ovviamente contestata dalle associazioni e anche dai candidati sindaci alle primarie Casson, Molina e Pellicani, pur con sfumature diverse. 

Dunque, avanti con il Contorta. 

Nella cassa di documenti inviata a Roma per rispondere alle 27 pagine di osservazioni della commissione Via, il Porto ritiene di aver dato con la documentazione integrativa «risposte utili a soddisfare tutti i chiarimenti richiesti». 

Di più, nella lunga lettera inviata da Costa al governo di ribadisce come lo scavo del canale Contorta non sia affatto uno «sfregio» alla laguna, come sostengono gli ambientalisti e i tanti critici alla grande opera. 

Ma anzi «un modo per attuare con interventi concreti il Piano morfologico della laguna». 

Cioè la ricostruzione delle barene che andrebbe fatta utilizzando i milioni di metri cubi di fanghi scavati dai fondali. 

«Ci sono i 70 milioni di euro necessari, che lo Stato non avrebbe mai messo», dice Costa, «e la qualità dei sedimenti stando agli ultimi studi è compatibile con il suo reimpiego in laguna».

Infine, i tempi. 

Il ministro per l’Ambiente Gianluca Galletti ha esortato a «concludere l’esame del progetto per giungere all’urgente individuazione di una soluzione alternativa al transito delle grandi navi davanti al bacino San Marco». 

II Porto ha chiesto che siano rispettati i tempi (entro il 10 aprile) per togliere l’incertezza agli operatori. 

Ma i comitati studiano ricorsi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas