Greenpeace, la legge Ue sul clima ‘prepara il fallimento’

 

Senza obiettivi al 2030 basati sulla scienza, né misure per porre fine ai sussidi ai combustibili fossili, ci stiamo preparando al fallimento.

Il momento di agire è ora, non tra 10 anni“.

Così il responsabile delle politiche per il clima di Greenpeace Europa Sebastian Mang si unisce al coro di critiche piovute addosso alla ‘legge sul clima’ Ue ancora prima della sua presentazione, in programma oggi.

Oltre a Greenpeace, il Climate Action Network, Friends of the Earth Europa e, in una lettera aperta, Greta Thunberg e altri 34 attivisti per il clima hanno mosso rilievi sostanziali alla proposta che fissa per legge un obiettivo Ue di azzeramento delle emissioni nette al 2050, perché non in linea con le raccomandazioni del panel intergovernativo dell’Onu sui cambiamenti climatici.

(ANSA del 4 marzo, ore 10:30)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas