SOS ambiente: la soglia dei ‘veleni’ nei giorni critici

 

La Spezia, 22 agosto 2019 – Quanto influisce nella zona di viale Italia – via San Cipriano la presenza di navi da crociera, le cui emissioni si sommano con quelle del traffico automobilistico?

Abbiamo provato a incrociare qualche dato, confrontando il tasso di inquinamento rilevato senza navi all’ormeggio con quello registrato in giorni ‘critici’, caratterizzati dallo stazionamento in porto di ben tre navi.

Situazione non frequentissima ma neppure tanto rara, come si desume dal calendario degli scali.

Prendiamo lo scorso 14 maggio 2019: all’ormeggio c’erano tre navi: Msc Seaview (oltre 5.400 passeggeri), Aidanova (6.600, con alimentazione a Gnl) e Seven Seas Explorer (750).

Il valore orario più alto di biossido di azoto, 113 microgrammi/mc, è stato registrato alle 12, con zero sforamenti sia del livello di protezione della salute che di quello di allarme (la normativa dice che il valore limite sulla media annuale è di 40 microgrammi per metro cubo, mentre il valore limite sulla media oraria è di 200 microgrammi da non superare più 18 volte nell’anno, con la soglia di allarme attestata a 400 microgrammi per metro cubo).

Passando al biossido di zolfo, altro inquinante inserito nel ‘protocollo’, nello stesso giorno troviamo 11 microgrammi/mc come valore massimo orario, registrato alle 12, con zero superamenti del livello di protezione della salute e del livello di allarme, e un valore medio giornaliero di 4 microgrammi/mc.

In questo stesso giorno il monossido di carbonio ha segnato 0,5 milligrammi/mc come valore massimo orario alle 11 e 0,4 nella media delle 8 ore (soglia 10 milligrammi), senza superamenti del livello di protezione.

Quanto alle polveri sottili (pm10), le sostanze hanno raggiunto quota 12 microgrammi/mc nel valore medio giornaliero (limite 50).

Se prendiamo in considerazione lo scorso 25 giugno, con sole due navi all’ormeggio (sempre Msc Seaview e Aidanova) troviamo, sorprendentemente tassi inferiori, vale a dire un valore massimo di 187 microgrammi/mc di biossido di azoto (ore 16) senza alcun superamento dei livelli di protezione e del livello di allarme.

La differenza non deve sorprendere più di tanto, in quanto è verosimile che diverse fossero le condizioni meteo, con un regime di brezza che ha favorito una maggiore ‘pulizia’ dell’aria nonostante la presenza di 2 navi invece di 3.

In questo stesso giorno il biossido di zolfo ha raggiunto un valore massimo orario di 19 microgrammi/mc alle 16, con zero superamenti dei livelli di protezione della salute e del livello di allarme, e 4 microgrammi/mc come valore medio giornaliero (valore limite 125 microgrammi/mc, da non superare più di tre volte l’anno).

Il monossido di carbonio ha segnato invece 0.8 milligrammi/mc alle 19, con massimo nella media di 8 ore a 0,5 e zero superamenti del livello di protezione (soglia 10 milligrammi).

E infine il valore delle pm 10, risultato di 25 microgrammi per metro/c nel valore medio giornaliero (limite di legge 50, da non superare più di 35 volte per anno).

Terza situazione, un giorno di inverno senza navi all’ormeggio (7 gennaio 2019), zona via San Cipriano.

Biossido azoto: valore massimo 90 microgrammi alle 19, nessun superamento di soglia; biossido di zolfo: valore massimo orario alle 19 con 10 microgrammi, 0 superamenti del livello di protezione della salute (valore limite sulla media oraria 350 microgrammi da non superare per più di 24 volte nell’anno); valore medio giornaliero 5 microgrammi (valore limite sulla media giornaliera 125 microgrammi da non superare più di 3 volte all’anno); nessun superamento del livello di allarme (soglia di allarme sulla media oraria 500 microgrammi m/c).

Monossido di carbonio: 1.7 milligrammi/mcil valore massimo orario alle 20; 1.4 massimo medie 8 ore, 0 superamenti livello protezione salute.

Infine il valore pm10: 37 microgrammi.

 

(Articolo di Franco Antola, pubblicato con questo titolo il 22 agosto 2019 sul sito online del quotidiano “La Nazione La Spezia”)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vas